giovedì, Ottobre 21, 2021
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > XIV Giornata Nazionale del Braille, il codice alfabetico che unisce

XIV Giornata Nazionale del Braille, il codice alfabetico che unisce

XIV Giornata Nazionale

XIV Giornata Nazionale del Braille, il codice alfabetico che unisce

ROMA – Oggi si celebra la XIV Giornata Nazionale del Braille, istituita il 21 febbraio 2007.

Per l’occasione, l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti, in collaborazione con il Club Italiano del Braille, il 19 febbraio scorso ha organizzato un evento, seguito su “Slash-Radio Web”, sulla pagina ufficiale Facebook della Presidenza Nazionale e sul canale YouTube UICI, dal titolo”Braille: via maestra per l’inclusione e l’accesso alla cultura”, in modo da sottolineare l’importanza del codice Braille, ideato all’inizio del XIX secolo.

Ad inventare l’alfabeto, che permette ai non vedenti o gli ipovedenti di leggere e scrivere, fu Louis Braille, nato in Francia nel 1809.

Purtroppo, all’età di tre anni, Braille rimane cieco a causa di un incidente avvenuto nell’officina del padre.

Nel 1821, durante il racconto di un soldato francese, dove descriveva un metodo da lui inventato per comunicare con i compagni dell’esercito, Braille decise di utilizzare tale sistema per dare vita ad un codice alfabetico, che da quel momento fino ai giorni nostri è riuscito a far inserire le persone non vedenti all’interno della società.

Il codice Braille richiede uno studio approfondito, sia per la lettura che la scrittura, del codice alfabetico composto da 1 a 6 punti posizionati dentro un rettangolo con 3 punti di altezza e 2 di lunghezza.

Attraverso questi 6 punti, si possono creare ben 64 combinazioni diverse, che però non riescono a rappresentare tutti i caratteri, così entrano in gioco i gruppi di carattere Braille, in grado di delineare i simboli grafici.

È importante sapere che il codice Braille viene scritto al contrario di come si legge, ovvero da destra verso sinistra e rispetto alla lettura, il sistema di scrittura in Braille è semplice e pratico.

Infatti, la combinazione dei punti da 1 a 6 viene marcata con un elemento in acciaio duro, in base ad una determinata collocazione, ovvero nelle fascia tra due righe.

La lingua Braille è una delle più grandi invenzioni della storia e oggi insieme alla tecnologia, rappresenta un metodo efficace per l’inserimento dei soggetti disabili all’interno della società.

Infine, è opportuno ricordare che anche in Italia sono presenti le biblioteche e le stampe Braille, organizzate da case editrici e vari centri, destinate alle persone non vedenti.

Elisa Cinquepalmi

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net