venerdì, Luglio 30, 2021
Home > Mondo > Vaccinazione, Europa lumaca. L’Oms: “Lentezza inaccettabile”

Vaccinazione, Europa lumaca. L’Oms: “Lentezza inaccettabile”

il sistema

Vaccinazione, Europa lumaca. L’Oms: “Lentezza inaccettabile”

“Le varianti continuano a diffondersi, la pressione sugli ospedali aumenta e le festività religiose stanno portando ad una maggiore mobilità. Accelerare la diffusione della vaccinazione è fondamentale poiché i nuovi casi nella regione europea dell’OMS stanno aumentando in ogni fascia di età, tranne che in una”

Pubblichiamo quanto riportato sul sito dell’Oms riguardo alla situazione europea: “La scorsa settimana si è assistito a un aumento della trasmissione di COVID-19 nella maggior parte dei paesi d’Europa, con 1,6 milioni di nuovi casi e quasi 24.000 decessi. La regione rimane la seconda più colpita dalla SARS-CoV-2 in tutto il mondo, con un numero totale di morti che si avvicina rapidamente a 1 milione e con un numero totale di casi che sta per superare i 45 milioni.

“Solo poco più di un mese fa, il computo settimanale di nuovi casi in Europa era sceso a meno di 1 milione, ma ora la situazione nell’area è più preoccupante di quanto si sia visto in diversi mesi. Ci sono rischi associati all’aumento della mobilità e dei raduni durante le festività religiose. Molti paesi stanno introducendo nuove misure che sono necessarie e tutti dovrebbero seguirle il più possibile “, ha affermato la dott.ssa Dorit Nitzan, direttrice regionale per le emergenze per l’Ufficio regionale dell’OMS per l’Europa.

In tutta l’area, 50 paesi o territori hanno segnalato la variante B.1.1.7, inizialmente rilevata dal Regno Unito e ora predominante nella regione. Poiché questa variante è più trasmissibile e può aumentare il rischio di ospedalizzazione, ha un maggiore impatto sulla salute pubblica e sono necessarie misure aggiuntive per controllarla.

Impatto della vaccinazione

A livello europeo, i nuovi casi sono in aumento in ogni fascia di età tranne che nelle persone di 80 anni e più. È solo in questa popolazione più vulnerabile che abbiamo assistito a un costante calo dei casi e una percentuale decrescente di morti per COVID-19 dall’inizio del 2021, evidenziando così i primi segni dell’impatto della vaccinazione.

Nuovi dati da Public Health England suggeriscono che i vaccini COVID-19 hanno salvato, come minimo, oltre 6mila vite tra le persone sopra i 70 anni da quando la vaccinazione è iniziata nel dicembre 2020. Allo stesso modo, i dati provenienti da Israele mostrano che il vaccino Pfizer – BioNTech si attesa intorno al 90% di efficacia dopo la seconda dose.

“I vaccini rappresentano la nostra migliore via d’uscita da questa pandemia. Non solo funzionano, ma sono anche molto efficaci nel prevenire le infezioni. Tuttavia, il lancio di questi vaccini è inaccettabilmente lento.

 E fintanto che la copertura rimane bassa, dobbiamo applicare le stesse misure di salute pubblica e sociali che abbiamo applicato in passato, per compensare i ritardi nei programmi. Vorrei essere chiaro: dobbiamo accelerare il processo aumentando la produzione, riducendo gli ostacoli alla somministrazione dei vaccini e utilizzando ogni singola fiala che abbiamo in magazzino, ora “, ha affermato il dott. Hans Henri P. Kluge, Direttore regionale dell’OMS per l’Europa.

Falso senso di sicurezza

Ad oggi, solo il 10% della popolazione europea ha ricevuto 1 dose di vaccino e il 4% ha completato l’iter.

“Il rischio che la vaccinazione in corso fornisca un falso senso di sicurezza alle autorità e al pubblico è considerevole e questo comporta un pericolo”, ha spiegato il dott. Kluge.

Ogni paese ad alto reddito sta vaccinando contro il COVID-19, mentre solo l’80% dei paesi a reddito medio-alto e il 60% dei paesi a reddito medio-basso lo stanno facendo. 

“Nelle scorse settimane, abbiamo assistito ad una straordinaria solidarietà transfrontaliera. Vaccinare gli operatori sanitari e gli anziani in ogni paese è responsabilità morale di tutti. È fondamentale fornire il beneficio di questo bene pubblico globale agli operatori sanitari e sociali. Pur riconoscendo l’intento dei governi di proteggere le proprie popolazioni, prima che i vaccini siano estesi ad altri gruppi di età, esorto vivamente i governi a condividere le dosi in eccesso di vaccini approvati dall’OMS con COVAX o con i paesi bisognosi, una volta che gli operatori sanitari e la maggior parte dei soggetti vulnerabili siano stati vaccinati. Non farlo è controproducente “, ha detto il direttore regionale.

Frenare la diffusione

Poiché il maggior numero di nuovi casi di COVID-19 si verifica in gruppi di popolazione non ancora vaccinati, l’OMS continua a chiedere un’azione tempestiva per attuare misure sanitarie e sociali sulla base dei dati epidemiologici e del sistema sanitario mentre la copertura vaccinale continua a crescere .

Un totale di 27 paesi nella regione sono in blocco nazionale parziale o completo, con 21 che impongono il coprifuoco notturno. Nelle ultime 2 settimane, 23 paesi hanno intensificato le restrizioni mentre 13 hanno allentato le misure, con altri 9 a seguire l’esempio.

Sebbene i cosiddetti blocchi dovrebbero essere evitati con interventi di salute pubblica tempestivi e mirati, dovrebbero essere utilizzati quando la malattia sovraccarica la capacità dei servizi sanitari di assistere adeguatamente i pazienti.

“La probabilità che si verifichino nuove varianti aumenta con la velocità con cui il virus si replica e si diffonde, quindi è fondamentale limitare la trasmissione attraverso azioni di controllo. E oggi, rispetto a un anno fa, abbiamo sistemi di test e tracciamento migliori, una condivisione più rapida delle informazioni e sappiamo molto di più su come prendersi cura dei malati gravi “, ha affermato il dott. Nitzan.

Test estesi, isolamento, tracciamento dei contatti, quarantena e sequenziamento genetico sono gli strumenti di base per la salute pubblica che devono essere utilizzati e costantemente rafforzati.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
La Notizia.net è il giornale online con notizie di attualità, cronaca, politica, bellezza, salute, cultura e sport. Il direttore della testata giornalistica è Lucia Mosca.