sabato, Settembre 18, 2021
Home > Abruzzo > Diversamente abile, il suo grido di aiuto a Chieti

Diversamente abile, il suo grido di aiuto a Chieti

SOS Case Ater Chieti: signora diversamente abile in carrozzella, in appartamento con ascensore fuori uso e senza termosifoni

Il Censorino Teatino al Servizio del Cittadino si fa ancora una volta “megafono” delle problematiche della cittadinanza con le istituzioni. 

A tal proposito, continua il “viaggio” del “Censorino Teatino al Servizio del Cittadino” fra le case popolari e le case comunali di Chieti, interpellati da famiglie e cittadini in emergenza abitativa e/o bisognosi di vedere tutelati i propri diritti e/o soddisfatte le proprie specifiche esigenze. 

Questa volta, siamo stati in Via Colonnetta 29, nelle case Ater nei pressi di Piazza Carafa, detta in gergo popolare “il Quadrato”, vicino la delegazione comunale di Chieti Scalo, invitati dalla signora F.C. (classe 1963) che vive con la figlia in un bilocale di circa 30 mq al terzo piano di una palazzina Ater.

La signora, da un po’ di tempo a questa parte,  a causa di una patologia, è costretta a stare su una sedie a rotelle e si è rivolta all’Ater,  per la risoluzione di alcuni problemi del suo appartamento, per poter migliorare la sua qualità della vita di cittadina con problemi di deambulazione e vivere in un appartamento più idoneo alle sue condizioni.

In particolare, l’appartamento di Via Colonnetta 29 è attualmente praticamente senza termosifoni e lo stabile ha l’ascensore fuori uso da anni, pertanto F.C. è da tempo che chiede all’Ater di poter avere un nuovo impianto di riscaldamento funzionante nella sua casa, di risolvere il problema dell’ascensore che le rende pressoché impossibile scendere autonomamente le scale per uscire quelle poche volte che deve fare delle visite mediche o semplicemente per fare una passeggiata e prendere una boccata di aria. 

In alternativa, da novembre 2020, F.C. ha fatto anche richiesta all’Ater, se non si risolveranno le problematiche del suo attuale appartamento di Via Colonnetta 29, di potersi trasferire in una casa popolare a Chieti Scalo, più grande, più idonea alle esigenze di vita di una persona con gravi problemi di deambulazione. 

Pertanto, facendosi portavoce delle esigenze di F.C., residente in Via Colonnetta 29, il Censorino Teatino segnala la situazione all’Ater di Chieti, e per conoscenza al Sindaco e al Prefetto di Chieti, affinché aiutino la suddetta signora  per farla vivere in un ambiente più consono alla sua situazione fisica. 

Si allegano foto: scale del palazzo, attacco dove dovrebbe esserci il termosifone che non c’è e ascensore fuori servizio.

Tratto da CENSORINO TEATINO