lunedì, Ottobre 18, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per il Grande Teatro di Salemme in TV del 24 luglio alle 21.15 su Rai 5: “Premiata pasticceria Bellavista”

Anticipazioni per il Grande Teatro di Salemme in TV del 24 luglio alle 21.15 su Rai 5: “Premiata pasticceria Bellavista”

premiata pasticceria bellavista

Anticipazioni per il Grande Teatro di Salemme in TV del 24 luglio alle 21.15 su Rai 5: “Premiata pasticceria Bellavista

(none)

Per il Grande Teatro in TV in onda oggi sabato 24 luglio alle 21.15 su Rai 5 la commedia Premiata pasticceria Bellavista con la regia e l’interpretazione di Vincenzo Salemme.

Una pasticceria napoletana e due fratelli – Ermanno e Giuditta Bellavista – entrambi eredi di un terribile diabete paterno: è la “Premiata pasticceria Bellavista” messa in scena da Vincenzo Salemme nel terzo appuntamento con “Il bello di Salemme”, in onda sabato 24 luglio alle 21.15 su Rai5. La madre dei due è inferma a letto, al piano superiore della pasticceria; si chiama Assunta ed è una donna tirannica e possessiva soprattutto nei riguardi del figlio. Di lei si sente solo la voce potente, amplificata da due altoparlanti posti sul soffitto della pasticceria. Il cuore della commedia è la decisione di Ermanno, ormai ridotto alla cecità dal diabete, di sottoporsi al trapianto degli occhi. L’operazione riesce perfettamente ma, dopo tre mesi, si presentano alla sua porta tre barboni, allegorie delle miserie umane: un cieco, Carmine Mancusi, uno smemorato, detto Memoria dai suoi amici, e una sordomuta obesa, Gelsomina. 
Registrato al Teatro Diana di Napoli nel 2000, lo spettacolo è interpretato da Vincenzo Salemme, Franza Di Rosa con Carlo Buccirosso (Ermanno Bellavista), Antonella Morea (Giuditta Bellavista), Maurizio Casagrande (Aldo), Vincenzo Salemme (Carmine Mancusi), Ombretta Ciccarelli (Rosa), Nando Paone (Memoria), Emanuele Grimalda (Gelsomina), Cetty Sommelia (Romina).

Premiata pasticceria Bellavista è una commedia teatrale del 1997 scritta da Vincenzo Salemme.

Ermanno e Giuditta Bellavista sono i proprietari di una pasticceria annessa alla loro casa. Con loro vive la madre, sofferente di diabete e pressione alta. Ermanno ha una relazione in segreto con Romina, la quale è stanca di dover parlare con lui di nascosto e vuole che egli si decida a parlarne con la famiglia.

Anche Giuditta ha una relazione segreta con Aldo, pasticcere alle dipendenze dei Bellavista, che però non ama la non bella Giuditta ma mira alla sua ricchezza. Intanto si scopre che Ermanno tempo fa, subì un intervento di trapianto agli occhi, questi vennero prelevati da Carmine, un senzatetto il quale, dopo un incidente automobilistico entra in coma. Creduto però morto, venne deciso di prelevargli gli occhi e trapiantarli ad Ermanno.

Così, una volta svegliato dal coma, Carmine si ritrova cieco. Carmine riesce a raggiungere la pasticceria di Ermanno insieme ai suoi amici vagabondi Memoria e Gelsomina, rivelandogli che sono 3 mesi che non possiede più gli occhi, e che il prof. Rubelli, che ha eseguito l’intervento, è implicato nel gioco d’azzardo e nel traffico illecito di organi. Carmine decide di rimanere, assieme a Memoria e Gelsomina, nella pasticceria di Ermanno, dicendo che ora egli dovrà guardare la vita per lui. Intanto nascono due problemi: la mamma di Ermanno e Giuditta, convinta che i figli la vogliano far morire per impossessarsi dell’eredità, vuole tagliarli fuori dal testamento.

Di conseguenza, Aldo non è più tanto sicuro di sposare Giuditta, sapendo che ella forse non potrà più ereditare. Carmine coglie l’occasione per ideare un piano con il quale potranno essere risolti i problemi di Ermanno, Giuditta e anche i suoi. Egli convince Ermanno e Giuditta a uccidere la madre. La madre infatti, sofferente di diabete, è pur sempre desiderosa di dolci; viene così deciso di prepararle una torta caprese sulla quale va lo zucchero a velo, ma anziché zucchero, la torta viene cosparsa di cocaina ed ammoniaca.

Preparata la torta, viene portata nella stanza della madre, la quale dopo aver mangiato una fetta, muore soffocata dal “veleno”. Mesi dopo la pasticceria viene aperta di nuovo, essendo stata chiusa tempo addietro. Carmine, con la morte della madre di Ermanno, decide di farsi trapiantare gli occhi della signora, in modo da poter riacquistare la vista.

Tornato dall’intervento, decide di andare a trovare Ermanno nella pasticceria. Una volta entrato, egli sale sulle scale, inizia a parlare con la voce della vecchia madre, come se il trapianto degli occhi, avesse portato ad una reincarnazione dell’anima. La commedia si chiude, con la battuta di Salemme che dice (con la voce in falsetto della madre) «Ciechi, siete poveri ciechi!».