venerdì, Settembre 17, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Overland 19” del 15 agosto alle 7.05 su Rai 1: le meraviglie di Delhi

Anticipazioni per “Overland 19” del 15 agosto alle 7.05 su Rai 1: le meraviglie di Delhi

overland 19

Anticipazioni per “Overland 19” del 15 agosto alle 7.05 su Rai 1: le meraviglie di Delhi

(none)

Alla scoperta di Delhi, l’India in una città

Nella puntata di Overland, in onda domenica 15 agosto alle 7.05 su Ra1, è di scena Delhi, capitale in cui traspare l’enorme contrasto tra imponenti palazzi di nuova costruzione e la vecchia città. La spedizione incontra dei bambini di strada che ciondolano alla stazione dei treni abbandonati a se stessi e raccoglie le loro toccanti storie di sofferenza, ma anche di speranza. Restando a Delhi è facile rimanere sorpresi dalle sue tante sfaccettature. Per caso il team si imbatte in una importante festa dei famosi guerrieri Sikh e scopre le tradizioni e i valori di questa religione recandosi a visitare il luogo sacro di questo credo: il luccicante Tempio D’Oro presso Amristar. In questa zona la carovana si ritrova presso il confine dell’India con il Pakistan dove le divisioni territoriali avvenute dopo il 1947 producono ancora un clima di guerra e tensione. Il percorso di Overland continua attraverso il tormentato Kashmir e la sua capitale Srinagar, per raggiungere la quale non manca un po’ di avventura tra piogge torrenziali, frane e strade dissestate.

Overland (titolo originale Overland World Truck Expedition) è una serie di spedizioni documentaristiche promosse e organizzate da Beppe Tenti e il figlio Filippo.

I documentari sono trasmessi a partire dal 1996 su Rai 1, per un totale di oltre 200 puntate (replicate in più occasioni). Dalla tredicesima stagione Overland viene trasmesso anche in alta definizione.

Il perno delle spedizioni è la ri-scoperta del viaggio via terra, unita all’obiettivo di ottenere un’istantanea del pianeta e della sua cultura tra la fine del XX e l’inizio del XXI.

Overland ha da sempre anche un fine benefico attivo e contributivo: si è fatta portavoce dell’UNICEF in molti dei paesi attraversati portando, quando possibile, assistenza medica alle popolazioni stanziali.

Ha sostenuto inoltre l’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro (AIRC). Dal 2005, su proposta di Lionello Grossi, sostiene l’associazione Overland for Smile che presta cure odontostomatologiche ai bambini ospitati negli orfanotrofi dell’est europeo.

Nel 2010, con la dodicesima edizione di Overland, grazie ad accordi con la Cooperazione Italiana allo Sviluppo[1], CUCI (Università di Parma) ed altre organizzazioni, è stato predisposto un veicolo medico dotato di personale specializzato con il compito di rilevare la situazione sanitaria in alcune delle aree attraversate dalla spedizione, oltre che per distribuire materiali informativi, in modo tale da individuare possibili futuri interventi di cooperazione ad hoc.

Nella stessa spedizione è presente il progetto CinemArena, un cinema itinerante che utilizza uno degli storici 330.30 ANW come supporto per il telo di proiezione. Scopo del progetto è quello di informare le popolazioni dei piccoli villaggi circa i rischi e la prevenzione di diverse malattie, il tutto utilizzando lo strumento documentale.