sabato, Dicembre 4, 2021
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Zona Bianca” del 24 novembre alle 21.25 su Rete 4: intervista a Irene Pivetti

Anticipazioni per “Zona Bianca” del 24 novembre alle 21.25 su Rete 4: intervista a Irene Pivetti

zona bianca

Anticipazioni per “Zona Bianca” del 24 novembre alle 21.25 su Rete 4: intervista a Irene Pivetti

Giuseppe Brindisi: "Vi portiamo nella Zona Bianca, tra vaccini e proteste"  - Tgcom24

Conduce Giuseppe Brindisi

Mercoledì 24 novembre, nel nuovo appuntamento con “Zona Bianca”, il programma di attualità e approfondimento condotto da Giuseppe Brindisi – in onda in prima serata su Retequattro -, ampio spazio sarà dedicato al super green pass, che cambierà la vita di chi ancora non si è sottoposto al vaccino. 
Le telecamere di Zona Bianca entreranno in un reparto di terapia intensiva, dove sono in molti i no-vax pentiti, e si recheranno anche in Austria, dove è iniziato un nuovo lockdown. E poi, continua l’inchiesta sui certificati verdi fasulli venduti in rete, dopo aver smascherato la truffa ai danni del conduttore, Giuseppe Brindisi. 

Tra gli ospiti della puntata anche Irene Pivetti, colpita da una nuova inchiesta giudiziaria. L’ex presidente della Camera sarà in studio per raccontare la sua versione. 

Zona bianca è un programma televisivo italiano di genere talk showpolitico e rotocalco, in onda su Rete 4[1] dal 7 aprile 2021 ideato e condotto da Giuseppe Brindisi, il mercoledì in prima serata[2][3]. Il programma va in onda dallo studio 7 del Centro di produzione Mediaset di Cologno Monzese.

Il programma nasce per sostituire gli speciali di Stasera Italia con la conduzione di Barbara Palombelli[1], andando in onda dal 7 aprile 2021[4] in prima serata su Rete 4[2]. Il programma tratta le vicende legate alla politica italiana intervistando politici.

Il programma è ideato e condotto da Giuseppe Brindisi, ed è a cura della testata giornalistica italiana e indipendente Videonews e con la produzione del TG4. La regia è affidata a Paolo Riccadonna, mentre l’aiuto regia è affidato a Martina Pace. La scenografia è affidata a Roberto Bassanini, mentre i costumi sono affidati a Maria Luisa Bondesan. La produzione è affidata a Marco Ferrante, mentre quella esecutiva a Paolo Levati.

Il titolo del programma è un auspicio per la fine del tempo d’attesa causato dalla pandemia di COVID-19 e la speranza di un ritorno alla normalità.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net