sabato, Gennaio 29, 2022
Home > Anticipazioni TV > Il film d’autore stasera in TV: “Tutto il mio folle amore” mercoledì 1° dicembre 2021

Il film d’autore stasera in TV: “Tutto il mio folle amore” mercoledì 1° dicembre 2021

tutto il mio folle amore

Il film d’autore stasera in TV: “Tutto il mio folle amore” mercoledì 1° dicembre 2021 alle 21.25 Rai 1

Tutto il mio folle amore.jpg

Tutto il mio folle amore è un film italiano del 2019 diretto da Gabriele Salvatores ed interpretato da Claudio Santamaria, Valeria Golino e Diego Abatantuono.

Il film è liberamente ispirato al romanzo Se ti abbraccio non aver paura di Fulvio Ervas,[1] che racconta la storia vera di Franco e Andrea Antonello, padre e figlio autistico che hanno fatto un lungo viaggio in moto in sud America.

Il titolo del film è un riferimento al brano Cosa sono le nuvole scritto da Pier Paolo Pasolini e interpretato da Domenico Modugno.

Il sedicenne Vincent è affetto da autismo, è stato cresciuto con difficoltà da sua madre Elena e dal marito Mario, che lo ha adottato. Una sera Willy, il padre naturale del ragazzo, che è chiamato il Modugno della Dalmazia, dopo un concerto e con parecchio alcol in corpo, entra di soppiatto in casa di Elena e Mario, che lo accoglie chiamandolo il merda. Svegliato dalle urla della madre Vincent capita nella discussione. Willy per la prima volta vede il figlio e scopre che non è come se lo immaginava. Elena infuriata lo caccia.

Alla mattina Vincent non si trova, scomparso. Si era nascosto sotto un telo nel pianale del pick-up del padre, che ignaro lascia Trieste andando in Slovenia. Willy ferma l’auto in mezzo al nulla per un bisogno fisiologico, Vincent salta giù da dietro e comincia a correre. Dopo la sorpresa iniziale, e dopo aver rassicurato Elena e Mario, iniziano a conoscersi. Insieme percorrono le tappe della tournée dove Willy aveva in programma di cantare. Si fermano a mangiare e Vincent vuole solo patate, quando il padre cerca di parlargli lui quasi automaticamente risponde: Vincent Masato, nato a Trieste il 13 luglio del 2003 da Elena Masato adottato dal signor Mario Topoli, tu ti chiami Willy boy e sei il mio papa.

Queste parole alzano un vento che fa muovere le tende del locale e accendono qualcosa in Willy. Seguono varie vicissitudini come la rottura dell’auto, l’acquisto di una moto con cui hanno un incidente nonché la prima esperienza sessuale e un passaggio di frontiera come clandestini perché Vincent non ha documenti. In questi giorni intensi i due imparano ad avvicinarsi, instaurando un forte legame padre-figlio. Elena e Mario, che li stanno disperatamente cercando, li trovano semi addormentati cullati da delle poltrone gonfiabili in una piscina a una festa di matrimonio dove Willy aveva cantato.

Infine, dopo aver salutato Willy, Elena e Vincent partono per tornare a casa.

Regia di Gabriele Salvatores

Con Claudio Santamaria, Valeria Golino e Diego Abatantuono

Fonte: WIKIPEDIA