giovedì, Maggio 26, 2022
Home > Anticipazioni TV > Il film biografico stasera in TV: “Ero in guerra ma non lo sapevo” mercoledì 16 febbraio 2022

Il film biografico stasera in TV: “Ero in guerra ma non lo sapevo” mercoledì 16 febbraio 2022

ero in guerra

Il film biografico stasera in TV: “Ero in guerra ma non lo sapevo” mercoledì 16 febbraio 2022 alle 21:25 su Rai 1

Ero in guerra - Montanari.png

Ero in guerra ma non lo sapevo è un film italiano del 2022 diretto da Fabio Resinaro ed interpretato da Francesco MontanariLaura Chiatti e Luca Guastini.

Milano, 1979. Il gioielliere Pierluigi Torregiani sta cenando al ristorante quando irrompono alcuni malviventi per una rapina. Torregiani vede uno di loro minacciare sua figlia con una pistola ed estrae la sua arma.

Nella sparatoria cadono a terra morti e feriti, e per il gioielliere inizia un’odissea. Infatti entra nel mirino dei P.A.C. in quanto “giustiziere borghese e fascista”, e dunque simbolo di una classe sociale da eliminare. Da quel momento comincia per lui una lunga e dura battaglia.

Il film è stato distribuito nelle sale cinematografiche italiane a partire dal 24 gennaio 2022 e viene trasmesso in prima TV su Rai 1 il 16 febbraio seguente.

(none)

Regia di Fabio Resinaro

Con Francesco MontanariLaura Chiatti e Luca Guastini

Fonte: WIKIPEDIA

Mercoledì 16 febbraio alle 21.25 Rai1 trasmette, in prima visione tv, il film di Fabio Resinaro “Ero in guerra ma non lo sapevo” con Francesco Montanari, Laura Chiatti, Juju Di Domenico, Alessandro Di Tocco. Milano, fine anni ’70, il gioielliere Pierluigi Torregiani sta cenando in un locale quando irrompono alcuni malviventi per rapinare i commensali.

Durante la rapina uno di loro minaccia la figlia di Torregiani, Marisa, puntandole addosso una pistola. Nel tentativo di disarmarlo, Torregiani viene messo a terra dal rapinatore. Partono alcuni colpi di pistola e uno dei banditi viene ucciso.

Non è stato il gioielliere a sparare, con la pistola che ha sempre con sé, ma molti giornali lo accusano di essere un giustiziere borghese. La tensione politica dell’epoca lo rende un obiettivo perfetto per i PAC, gruppo di terroristi guidato da Cesare Battisti, che individuano in lui un colpevole da punire…