sabato, Maggio 28, 2022
Home > Anticipazioni TV > Il film thriller stasera in TV: “The Room – La stanza del desiderio” mercoledì 27 aprile 2022

Il film thriller stasera in TV: “The Room – La stanza del desiderio” mercoledì 27 aprile 2022

the room

Il film thriller stasera in TV: “The Room – La stanza del desiderio” mercoledì 27 aprile 2022 alle 21:20 su Rai 4

(none)

The Room – La stanza del desiderio (The Room) è un film del 2019 diretto da Christian Volckman ed interpretato da Olga Kurylenko, Kevin JanssensJoshua Wilson.

Matt e Kate si trasferiscono in una nuova casa nel New Hampshire. Rispettivamente un artista squattrinato e una traduttrice sottopagata, la coppia ha trovato una casa a un prezzo molto basso e inizia a lavorare per sistemarla, mantenendo sempre un tono allegro nonostante la situazione. In seguito ad un problema di tensione elettrica, un elettricista rivela loro la presenza nella casa di un impianto vecchissimo e molto strano. L’uomo rivela inoltre a Matt che il motivo del basso prezzo della casa era un omicidio consumatosi molti anni prima fra quelle mura: le vittime furono i vecchi proprietari e l’assassino un uomo mai identificato, attualmente rinchiuso in un istituto psichiatrico. L’uomo tiene per sé la notizia e continua a sistemare casa con sua moglie, mentre quest’ultima riceve l’ennesimo incarico di lavoro pagato male. Indagando sul funzionamento dell’impianto elettrico, Matt fa una scoperta sconvolgente: qualsiasi desiderio venga espresso nella stanza che contiene l’impianto si avvera istantaneamente, a patto che ciò riguardi una sostanza materiale.

Matt materializza dunque varie opere d’arte celebri e mostra il tutto a Kate: inizialmente la donna ne è spaventata, tuttavia presto si lascia trasportare e la coppia inizia ad avverare qualsiasi desiderio gli venga in mente, decisa a vivere senza sforzi di ciò che la stanza può offrire loro. Matt decide allora di proporre a Kate di provare a fare un bambino: la donna, che è tuttavia reduce da due aborti spontanei, è terrorizzata dall’idea e si rifiuta categoricamente. Un giorno, rientrando a casa, Matt scopre che Kate ha materializzato un bambino attraverso il potere della stanza: spaventato dalle possibili conseguenze di questo gesto, Matt vorrebbe dematerializzare il neonato ma né lui né tantomeno Kate hanno il coraggio di farlo. Improvvisamente spaventato dal potere della stanza, l’uomo si reca presso il manicomio per far visita all’assassino dei vecchi proprietari, il quale a suo tempo aveva dichiarato che la stanza aveva ordinato di compiere il duplice assassinio. Questi gli intima di lasciare la casa il più rapidamente possibile senza lasciarsi coinvolgere ulteriormente dal potere della stanza.

Tornato a casa, Matt cerca di scoprire il modo in cui la stanza funziona analizzandone l’impianto elettrico. Successivamente, l’uomo scopre che gli oggetti creati nella stanza non possono uscire dalla casa: se ciò accade essi si tramutano quasi istantaneamente in polvere. Anche questa volta l’uomo tiene nascosta la scoperta a Kate, salvo poi non riuscire a impedire alla donna di portare il bambino fuori casa: il ragazzino viene immediatamente colpito da un processo rapidissimo di invecchiamento, che lo porta ad avere un’età da scuola elementare. Nei tre mesi successivi, Kate si dedica completamente all’istruzione domestica e all’educazione del piccolo Shane, mentre Matt diventa schivo con la moglie e col bambino e si isola nella stanza dei desideri, impedendo ad altri di entrare e cercando di studiare a fondo la stanza. Crescere Shane si rivela complicato: il bambino vorrebbe uscire ma Kate deve impedirglielo, l’unico modo di fargli godere l’aria aperta sarebbe generare l’illusione dell’esterno con la stanza ma Matt non vuole lasciarglielo fare, e così la situazione in casa è sempre più tesa.

Durante una litigata, lo sconosciuto telefona alla casa: è Shane a rispondere, così l’uomo scopre della sua esistenza. Lo sconosciuto rivela allora a Matt di essere anche lui una creazione della stanza: a permettergli di uscire di casa è stata la morte dei suoi creatori, evento fra l’altro voluto da sua madre e non da lui, dunque la morte di Kate è l’unica cosa che può trasformare Shane in una persona reale. Kate origlia la conversazione e fugge via spaventata: rimasti soli Shane e Matt hanno un alterco e quest’ultimo gli rivela la sua vera natura. Quella notte Kate rincasa e, stanchi della tensione, lei e Matt si lasciano andare a una notte di passione; Shane ne approfitta per provare a uscire di casa, e così il giorno dopo lo ritrovano adulto e intenzionato a ucciderli per avergli mentito. Matt e Shane lottano, Kate sviene e si risveglia dopo alcune ore insieme a Matt, il quale sostiene che Shane è morto in seguito alla lotta e di aver lasciato che il suo corpo si decomponesse all’esterno. L’uomo sta tuttavia mentendo: si tratta infatti proprio di Shane che ha assunto le sembianze di Matt grazie alla stanza, il tutto dopo aver rinchiuso quest’ultimo in un mondo creato appositamente attraverso il potere della camera. Matt riesce tuttavia a liberarsi ed a tornare da Kate, la quale nel frattempo ha scoperto l’inganno e fugge via inorridita.

Una volta ricongiuntasi, la coppia cerca di fuggire via da Shane e decide di ricorrere al potere della stanza per creare un’illusione che li aiuti a farlo. In seguito a una lunga lotta, Kate si ritrova a chiudersi in casa lasciando entrambi gli uomini fuori: la donna assiste con sofferenza al disfacimento totale di Shane, che si trasforma dapprima in uomo molto anziano e poi in un cumulo di polvere. La coppia decide di lasciare casa e di trasferirsi in un motel. Tre mesi dopo Kate scopre di essere incinta: la sua reazione è il terrore nei confronti di un futuro incerto.

Regia di Christian Volckman

Con: Olga Kurylenko, Kevin JanssensJoshua Wilson

Fonte: WIKIPEDIA