mercoledì, Novembre 30, 2022
Home > Mondo > La rabbia russa dopo la richiesta di risarcire i danni all’Ucraina

La rabbia russa dopo la richiesta di risarcire i danni all’Ucraina

la rabbia russa

La rabbia russa dopo la richiesta di risarcire i danni all’Ucraina – La Russia ha rifiutato con rabbia le richieste internazionali di risarcire i danni di guerra che ha inflitto all’Ucraina. Tutto questo arriva dopo che l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione in cui si afferma che la Russia dovrebbe affrontare le conseguenze delle sue azioni, compreso il pagamento dei risarcimenti.

Le risoluzioni dell’Assemblea Generale hanno un peso puramente simbolico. Il Cremlino ha dichiarato che avrebbe lavorato per impedire all’Occidente di impadronirsi delle sue risorse per pagare il risarcimento.

Il portavoce Dmitry Peskov ha accusato l’Occidente di aver tentato di “formalizzare una rapina legalizzata” e di violare le regole della proprietà privata e del diritto internazionale.

La risoluzione affermava che la Russia “deve sopportare le conseguenze legali di tutti i suoi atti illeciti a livello internazionale, inclusa la riparazione del danno, compreso qualsiasi danno, causato da tali atti”.

Raccomanda inoltre che gli Stati membri, in collaborazione con l’Ucraina, creino un registro internazionale per registrare prove e denunce contro la Russia.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha accolto con favore la risoluzione, affermando che le riparazioni pagate dalla Russia fanno ora “parte della realtà giuridica internazionale”.

Prima del voto, l’ambasciatore delle Nazioni Unite di Kiev Sergiy Kyslytsya ha detto all’assemblea che durante la guerra la Russia aveva preso di mira tutto, dalle fabbriche agli edifici residenziali e agli ospedali.

Oltre ad aver bisogno di finanziamenti per ricostruire le infrastrutture, ha affermato che la ripresa “non sarà mai completa senza un senso di giustizia per le vittime della guerra russa”, aggiungendo: “È ora di ritenere la Russia responsabile”.

L’ambasciatore russo all’ONU Vassily Nebenzia ha definito la risoluzione “legalmente nulla e non valida” e ha accusato l’Occidente di “cercare di prolungare e aggravare il conflitto”.

La risoluzione è stata sostenuta da 94 Stati membri su 193, mentre 14 – tra cui Russia, Cina e Iran – hanno votato contro. I restanti paesi si sono tutti astenuti.

Al contrario, 143 Stati membri hanno votato in ottobre per condannare l’annessione illegale di parti dell’Ucraina da parte di Mosca.

Ci sono stati esempi precedenti di paesi ai quali è stato ordinato di pagare risarcimenti dopo i conflitti.

Il più famoso riguarda i 269 miliardi di marchi che alla Germania fu detto di pagare dagli alleati dopo la prima guerra mondiale – circa $ 300 miliardi (£ 250 miliardi) in denaro di oggi.

Il prezzo elevato aveva lo scopo di garantire che la Germania non sarebbe stata capace di altre guerre per molti anni.

Ma finì per avere l’effetto opposto, poiché molti storici sostengono che le riparazioni paralizzanti e l’etichettatura della Germania come parte “colpevole” della guerra furono un fattore chiave del risentimento che portò alla seconda guerra mondiale.

Anche la Germania e le altre potenze dell’asse furono costrette a pagare risarcimenti dopo quel conflitto, ma con una maggiore enfasi sulla ricostruzione delle infrastrutture danneggiate in Europa che sulla punizione della Germania per le sue azioni.

La Notizia.net è un quotidiano di informazione libera, imparziale ed indipendente che la nostra Redazione realizza senza condizionamenti di alcun tipo perché editore della testata è l’Associazione culturale “La Nuova Italia”, che opera senza fini di lucro con l’unico obiettivo della promozione della nostra Nazione, sostenuta dall’attenzione con cui ci seguono i nostri affezionati lettori, che ringraziamo di cuore per la loro vicinanza. La Notizia.net è il giornale online con notizie di attualità, cronaca, politica, bellezza, salute, cultura e sport. Il direttore della testata giornalistica è Lucia Mosca.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net