giovedì, Dicembre 1, 2022
Home > Anticipazioni TV > Il film consigliato stasera in TV: “Paradiso amaro” mercoledì 23 novembre 2022

Il film consigliato stasera in TV: “Paradiso amaro” mercoledì 23 novembre 2022

paradiso amaro

Il film consigliato stasera in TV: “Paradiso amaro” mercoledì 23 novembre 2022 alle 21.10 su La 5 (Canale 30)Paradiso amaro (The Descendants) è un film del 2011 diretto da Alexander Payne ed interpretato da George Clooney e Shailene Woodley, basato sull’omonimo romanzo di Kaui Hart Hemmings.

Matt King, discendente di una facoltosa famiglia hawaiiana, è un marito indifferente e un padre assente, ma quando la moglie Elizabeth entra in coma irreversibile dopo un incidente nautico al largo di Waikiki, si ritrova a mettere in discussione la sua vita: Matt si ritrova a dover recuperare il rapporto con le figlie, la ribelle Alexandra e la piccola Scottie, e a essere continuamente rimproverato dal suocero Scott, che non riesce ad accettare la situazione di coma irreversibile in cui si trova la figlia.

Attraverso Alexandra, Matt giunge all’amara scoperta che la moglie aveva un amante, cosa che aveva portato madre e figlia a litigare furiosamente e ad allontanarsi. Mentre accade tutto ciò Matt, avvocato specializzato in transazioni immobiliari, deve anche gestire un importante affare riguardante la possibile vendita dei territori di famiglia.

Terreni di cui è amministratore fiduciario (in comproprietà tra lui e i suoi cugini) sull’isola di Kauai, a causa di norma contro la perpetuità che obbliga a sciogliere il trust: Matt ha sempre sapientemente gestito le proprie finanze mentre la maggior parte dei suoi cugini ha sperperato le loro eredità, e quelli più interessati al contratto (con l’eccezione di Connie e Dave, che sostengono Matt) gli fanno pressioni per vendere i territori, che valgono centinaia di milioni di dollari.

Due cari amici di famiglia rivelano a Matt che Elizabeth si sentiva infelice e stava per chiedergli il divorzio per poter stare con il suo amante, Brian Speer, un agente immobiliare. Dopo aver organizzato un incontro per comunicare agli amici delle condizioni di Elizabeth, Matt decide che anche Brian deve avere l’opportunità di darle un ultimo saluto, così parte per Kauai insieme alle sue figlie Alexandra e Scottie e a Sid, strano amico di Alexandra che è costretto a portarsi dietro.

Arrivato lì, suo cugino Hugh menziona che Brian è una persona senza scrupoli e difatti è anche il cognato di Don Hollitzer, l’acquirente al quale i cugini intendono vendere i territori, per cui Brian sta per ottenere una piccola fortuna grazie alla commissione di vendita.

Matt si confronta con Brian e lo informa del fatto che Elizabeth sta morendo, offrendogli l’opportunità di vederla un’ultima volta: Brian però rifiuta ammettendo che, sebbene Elizabeth fosse innamorata di lui, da parte sua è stata solo un’avventura, che ama sua moglie Julie e i loro figli, e infine si scusa con Matt per il dolore che ha causato.

Frustrato dagli eventi recenti, Matt decide che è giunto il momento che Scottie sappia dell’inevitabile morte di Elizabeth, alla quale vengono staccate le macchine come aveva richiesto nel suo testamento biologico. Il suocero ammonisce Matt per non essere stato un marito più presente e amorevole; decidendo di non rivelargli della relazione extraconiugale della moglie, Matt si dice d’accordo, ma inaspettatamente Sid e Alexandra lo difendono.

Alla riunione della famiglia, Matt decide di non firmare il contratto di vendita per mantenere il controllo di quel lembo di isola e cercare una soluzione diversa al problema posto dalla norma contro le perpetuità. Scioccato, Hugh risponde che lui e gli altri cugini intraprenderanno un’azione legale se Matt insiste nel rifiutare, ma lui rimane fermo nella sua decisione.

Julie, dopo aver appreso del tradimento del marito e avendo realizzato che non andrà in ospedale da Elizabeth, decide di andarci al posto suo. Piangendo, ammette di odiare Elizabeth per aver cercato di distruggere la sua famiglia, ma la perdona.

Matt arriva finalmente a patti con il tradimento di Elizabeth e la sua morte imminente, quindi le dà un bacio d’addio, seguito da Alex e Scottie, e una volta cremata ne spargono le ceneri nell’Oceano Pacifico.

Tornati a casa, i tre siedono insieme sul divano mangiando gelato e guardando la televisione, avvolti nella coperta che avevano messo su Elizabeth nei suoi ultimi momenti. paradiso amaro

Le riprese, svolte interamente alle Hawaii, sono partite il 15 marzo 2010.[1] La maggior parte di esse sono state effettuate a Honolulu e nei dintorni della Baia di Hanalei.[2] La location usata come casa di Matt King era priva dell’albero di banyan descritto nel libro; i cineasti hanno risolto il problema trapiantandone un esemplare.[2] 

Per la scena in cui la famiglia King sale su una cresta per guardare oltre la loro terra, è stato utilizzo un ranch di bestiame privato di 3.000 acri sulla costa meridionale di Kauai, Kipu Ranch. Kaui Hart Hemmings, autrice del romanzo su cui è basato il film, ha recitato in un cameo nei panni della segretaria di Matt King; anche suo marito, sua madre e la figlia hanno avuto delle brevi apparizioni.[3] paradiso amaro

Le scene riguardanti il collegio privato frequentato da Alexandra King sono state girate al Mid-Pacific Institute di Oahu. Hemmings ha affermato che la Hawaii Preparatory Academy (che si trova a Kamuela, nell’Isola di Hawaii) è stata l’ispirazione per tale collegio privato.[4] paradiso amaro

La post-produzione è iniziata il 14 giugno e si è protratta fino al febbraio 2011. paradiso amaro

Regia di Alexander Payne

Con George Clooney e Shailene Woodley

Fonte: WIKIPEDIA

Foto interna ed esterna: https://www.youtube.com/watch?v=jCREQBnI5