sabato, Giugno 15, 2024
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “A Sua Immagine” del 28 gennaio alle 16 su Rai 1: ricordo di Luca Attanasio

Anticipazioni per “A Sua Immagine” del 28 gennaio alle 16 su Rai 1: ricordo di Luca Attanasio

a sua immagine
Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è image-27-1024x576.png

Anticipazioni per “A Sua Immagine” del 28 gennaio alle 16 su Rai 1: ricordo di Luca Attanasio

Nuovo appuntamento con “A Sua immagine”, il programma di approfondimento religioso di Rai Cultura.in onda il 28 gennaio alle 16 su Rai1.

Quasi due anni fa, il 22 febbraio del 2021, mentre si recava a visitare un progetto dell’Onu che si occupa di assistenza alimentare per bambini, è stato ucciso Luca Attanasio, ambasciatore italiano nella Repubblica Democratica del Congo. 

Lorena Bianchetti intervista Zakia Seddiki, sua moglie, madre di tre bambine, che ha raccolto la sua eredità e ha rilanciato l’Associazione Mama Sofia fondata con il marito. Si occupa di sostegno educativo, alimentare, sanitario dei bambini africani. La ferita, mai sanata, è diventata feritoia e luce di speranza per molti. I valori del loro matrimonio hanno portato frutto e la morte di Luca non è stato un sacrificio vano.

La loro storia d’amore nasce il giorno di San Valentino, quando Luca Attanasio era console in Marocco. Entrambi hanno sognato un mondo diverso e insieme lo hanno costruito. Luca cattolico, Zakia musulmana, hanno basato la loro famiglia sull’amore autentico, con rispetto, solidarietà e dialogo tra le diverse culture. L’eredità spirituale di Luca rimane viva e parla alle coscienze di molti. 

“Nella vostra storia – ha detto Papa Francesco a Zakia – si vede bene come ciò che è umano e ciò che è religioso possono intrecciarsi e dare bellissimi frutti”. In Zakia e Luca troviamo la bellezza dell’amore umano, la passione per la vita, l’altruismo e anche la fedeltà al proprio credo e alla propria tradizione religiosa, fonte d’ispirazione e di forza interiore. 

A seguire “Le Ragioni della Speranza” con don Giordano Goccini, accompagnato dai suoi ragazzi in viaggio per l’Italia. Questo sabato a Milano, alla scoperta di Libera Masseria: quello che un tempo era un bene di una famiglia mafiosa, grazie all’impegno di molti giovani è diventato un presidio di bellezza e di giustizia sociale, un esempio di come la mafia si possa sconfiggere ma anche raccontare.

Raccontare affinché le nuove generazioni imparino a denunciare e a sviluppare anticorpi per ogni tipo di comportamento illegale. Con i volontari di Libera Masseria don Giordano riflette sulla fame di giustizia. 

In chiusura, l’incontro con Giulia Cicoli e Nicolò Govoni, fondatori di Still I Rise, organizzazione indipendente nata per offrire istruzione e protezione a bambini svantaggiati. Pace e giustizia i temi al centro della loro intervista.

A Sua immagine è un programma televisivo a sfondo cattolico condotto da Lorena Bianchetti su Rai 1, nato nell’ottobre del 1997 sulla scia delle rubriche religiose presenti nel palinsesto della Rai dal 1954[1][2].

Il programma nasce dalla collaborazione tra la Rai e la Conferenza Episcopale Italiana, e va in onda su Rai 1 ogni sabato alle ore 16:05 e ogni domenica alle 10:30. Il programma offre al pubblico numerose storie riguardo alla vita di persone comuni, che attraverso la loro fede portano avanti desideri, passioni, opere per la comunità. Il programma varia nei due giorni di programmazione.

Tra il 1997 ed il 1999 la conduttrice era Arianna Ciampoli mentre dal 1999 al 2005 era Lorena Bianchetti, dal 2005 al 2008 il programma è stato presentato da Andrea Sarubbi, eletto poi parlamentare nelle liste del Partito Democratico. Dal 2008 al 26 gennaio 2014 la conduzione passa a Rosario Carello per poi tornare nuovamente nelle mani di Lorena Bianchetti a partire dal 1º febbraio fino ad oggi. Nel marzo 2019 durante la gravidanza della Bianchetti in occasione della nascita della figlia Etelle ha preso il suo posto alla conduzione per tre puntate, dal 3 al 17 marzo, Paolo Balduzzi[3][4]. Nel 2017 il programma ha rinnovato studio e scenografia, ma anche la struttura del formati con l’inserimento dei social in diretta e l’approfondimento di temi legati a fiction, film, libri, programmi televisivi e documentari[5]. La sezione del sabato pomeriggio è stata rinnovata nel 2014 passando dal classico commento del Vangelo alla trattazione quasi in real time con conduttori consacrati definiti preti di strada[6]. Dal 2017 il commento del Vangelo è affidato a don Davide Banzato e a don Marco Pozza. Dal 2018 si sono aggiunti come conduttori S.Em. Matteo Zuppi e sono tornati in alternanza anche Luigi Ciotti e don Maurizio Patriciello.

Foto interna: https://www.rai.it/ufficiostampa