venerdì, Giugno 21, 2024
Home > Abruzzo > Turris Eburnea di Collemaggio, simbolo di abbandono e degrado

Turris Eburnea di Collemaggio, simbolo di abbandono e degrado

Turris Eburnea

Turris Eburnea di Collemaggio, simbolo di abbandono e degrado – Un simbolo ormai di degrado e di ritrovo di tossicodipendenti quello della Turris Eburnea di Collemaggio a l’Aquila. L’edificio, se osservato dalla città, possiede a tutti gli effetti l’aspetto di una vecchia struttura in totale stato di abbandono. Quello che forse in pochi sanno, è che in realtà abbiamo a che fare con una chiesa edificata intorno alla fine degli anni ’60, progettata dall’architetto abruzzese Augusto Angelini, e situata all’interno dell’ex ospedale psichiatrico giudiziario dove aveva la funzione di cappella.

La struttura, come del resto anche il complesso circostante, è ancora lì, lasciata al degrado e alle intemperie, dove le bellissime sequoie e le specie animali presenti nell’area stonano con tutto il resto. Un paradiso di vandali e tossicodipendenti quello della Turris Eburnea di Collemaggio, dove tra siringhe, arredi danneggiati e sporcizia, a fare da padrone è il grande crocifisso rimasto in piedi nonostante tutto. Un luogo che non merita certo questa fine, ma piuttosto un nuovo inizio. E questo lo sa bene Padre Masseo Emilio Boni (in foto), Priore Generale e fondatore della Congregazione dei Monaci Francescani Ortodossi, che dopo aver celebrato e visitato più volte il luogo in questione ha deciso di mettere i suoi pensieri a riguardo nelle righe che seguono:

“Qui la voce Sua divina mi parlò dolente e chiara: va e ripara la mia chiesa che come vedi è tutta in rovina.. Maltrattato, rifiuto degli uomini. Mio Signore è stato più facile abbandonarti nel degrado della burocrazia, tra le decisioni di palazzo, più facile che avere il coraggio di donare il decoro che ti spetta. Più facile l’ipocrisia della preghiera per l’unità dei cristiani che donare il superfluo ai fratelli ortodossi. Perdonami Signore se non sono riuscito a riportare la preghiera nella tua casa.. perdonami…non è dipeso da me. In questo Santo calice la mia preghiera e quella del miei confratelli monaci..tu non avevi dove poggiare il capo per riposare..tu apri i cuori di chi può donare il loro superfluo per poterti lodare. Salga da questo altare l’offerta a te gradita..solo questo ho potuto fare”. 

Di Redazione

La Notizia.net è un quotidiano di informazione libera, imparziale ed indipendente che la nostra Redazione realizza senza condizionamenti di alcun tipo perché editore della testata è l’Associazione culturale “La Nuova Italia”, che opera senza fini di lucro con l’unico obiettivo della promozione della nostra Nazione, sostenuta dall’attenzione con cui ci seguono i nostri affezionati lettori, che ringraziamo di cuore per la loro vicinanza. La Notizia.net è il giornale online con notizie di attualità, cronaca, politica, bellezza, salute, cultura e sport. Il direttore della testata giornalistica è Lucia Mosca.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net