giovedì, Luglio 18, 2024
Home > Italia > Roma, il “presente” dei neofascisti ci ricaccia nel passato

Roma, il “presente” dei neofascisti ci ricaccia nel passato

Roma 08 gennaio 2024-La cronaca di queste ore a Roma ci ha restituito, ancora una volta, una triste pagina di neofascismo. Immortalate nel video che da ieri fa il giro delle pagine social e dei siti web, come denuncia, ma anche come celebrazione, centinaia di braccia tese nel saluto romano sono state la cornice del 46esimo anniversario dell’uccisione, il 7 gennaio del 1978, di tre giovani militanti della sezione del Movimento sociale italiano in via Acca Larenzia, quartiere tuscolano, Franco Bigonzetti, Francesco Ciavatta e Stefano Recchioni. Bigonzetti e Ciavatta furono vittime di un agguato che alcuni giorni dopo venne rivendicato dai Nuclei armati per il contropotere territoriale, mentre Recchioni restò ucciso in seguito agli scontri scoppiati nelle ore successive alla morte dei primi due. 

La scena dell’adunata di ieri, nel piazzale sul quale da anni campeggia una croce celtica nera di tali dimensioni da essere visibile anche dalle riprese aeree di Google Maps, ci fa tornare indietro nel tempo di un secolo. Da più parti il commento è stato che sembrava il 1924 più che il 2024. E del resto questa zona di Roma non è nuova a scene di questo tipo di 7 gennaio. Strade paralizzate, cortei di giovani neofascisti inquadrati militarmente, saluti romani, manifesti con croci celtiche e richiami al fascismo scandiscono ogni anno l’approssimarsi di questa data.

“Ancora una volta nella Capitale, città medaglia d’oro al valore militare per la Resistenza, le braccia tese, le croci celtiche e il grido “presente” hanno caratterizzato l’anniversario dei fatti di Acca Larenzia – ha scritto in una nota la Cgil di Roma e del Lazio –. Solo in Italia è possibile strumentalizzare una pagina buia della storia del nostro paese per trasformarne il ricordo in un’adunata fascista”.

“Stupore e stigmatizzazioni non bastano più. Dalle istituzioni ci aspettiamo una reazione forte a partire dallo scioglimento delle organizzazioni fasciste e naziste, che continuano a minacciare la democrazia come dimostrano le recenti condanne per l’assalto alla nostra sede nazionale del 9 ottobre 2021″. 

Articolo di Giorgio Sbordoni- Fonte Collettiva.it

La Notizia.net è un quotidiano di informazione libera, imparziale ed indipendente che la nostra Redazione realizza senza condizionamenti di alcun tipo perché editore della testata è l’Associazione culturale “La Nuova Italia”, che opera senza fini di lucro con l’unico obiettivo della promozione della nostra Nazione, sostenuta dall’attenzione con cui ci seguono i nostri affezionati lettori, che ringraziamo di cuore per la loro vicinanza. La Notizia.net è il giornale online con notizie di attualità, cronaca, politica, bellezza, salute, cultura e sport. Il direttore della testata giornalistica è Lucia Mosca.