venerdì, Maggio 24, 2024
Home > Anticipazioni TV > Il film cult stasera in TV: “Il Padrino – Epilogo” lunedì 22 gennaio 2024

Il film cult stasera in TV: “Il Padrino – Epilogo” lunedì 22 gennaio 2024

padrino

Il film cult stasera in TV: “Il Padrino – Epilogo – La morte di Michael Corleone” lunedì 22 gennaio 2024 alle 21.25 su Rete 4Il padrino – Parte III – Epilogo – La morte di Michael Corleone (The Godfather: Part III) è un film del 1990 diretto da Francis Ford Coppola, e interpretato da Al Pacino, Andy García, Sofia Coppola e Robert Duvall per la terza ed ultima parte della trilogia sulla famiglia Corleone iniziata nel 1972.

New York1979Michael Corleone, da anni tornato a New York, è ormai miliardario e gode della fama di persona rispettabile. Indebolito dal diabete, la sua attenzione è rivolta in una sincera attività volta a guadagnarsi onorabilità sociale e a estraniare definitivamente la propria famiglia dal mondo della mafia, mentre nel frattempo cerca di garantire la sicurezza di sua figlia Mary, presidente onoraria della Fondazione Andolini Corleone, impegnata nell’opera di rinascita culturale e sociale della Sicilia. Cerca invano di convincere il figlio Anthony a lavorare con lui, ma il figlio, con l’appoggio della madre, sceglie di intraprendere la carriera di cantante lirico. Appoggiato dalla zia Connie, sorella di Michael, il bel Vincent Mancini, figlio illegittimo di Sonny, irascibile e violento come il padre, entra al servizio dello zio Michael.

Ricevuta dall’Arcivescovo Gilday una bolla papale con un titolo onorifico conferitogli da Papa Paolo VI in virtù delle sue opere benefiche, Michael investe seicento milioni di dollari nella Banca Vaticana, per entrare nella Internazionale Immobiliare e assumerne il controllo. La società è controllata dal Vaticano insieme ad altri ed è un affare assai lucroso che gli assicurerebbe un enorme patrimonio. Tale investimento serve all’Arcivescovo Gilday per evitare il rischio di una bancarotta fraudolenta causata dalle manovre di un gruppo di avidi uomini d’affari cattolici, guidati dal potente Licio Lucchesi, un influente uomo politico italiano, che guida la maggior parte dei clan mafiosi in Italia. L’uomo è anche alla guida del corrotto banchiere svizzero Frederick Keinszig.

Michael scopre ben presto di essersi infilato in un brutto impiccio. Forze occulte pongono ostacoli alla sua presa di controllo dell’Internazionale Immobiliare e, mentre partecipa a una riunione a Atlantic City con gli altri boss italoamericani per annunciar loro di volersi ritirare dal gioco e dedicarsi ai suoi nuovi affari completamente legali, si svolge un attentato compiuto con un elicottero in cui vengono uccisi quasi tutti i presenti, al quale scampano sia il capo della famiglia Tattaglia Don Osvaldo “Ozzie” Altobello, amico di vecchia data di Vito e padrino di battesimo di Connie, sia Michael, grazie all’intervento di Vincent e Al Neri.

Mentre Michael ha una grave crisi diabetica, Vincent, con l’approvazione di Connie (ma contro i voleri di Michael), uccide Joey Zasa, il mandante apparente dell’attentato, e la situazione della malavita newyorkese precipita nel caos. Nel frattempo Don Altobello cerca di convincere Michael ad accettare le condizioni di Gilday, ma l’altro rifiuta, conscio che la sopravvivenza del primo potrebbe non essere stata una coincidenza. Giunto a Palermo per assistere al debutto nell’opera di Anthony, Michael scopre tramite Vincent, che ha finto di volerlo tradire, che Don Altobello era complice di Zasa e che tutto era in realtà manipolato da Lucchesi, il quale vuole impedirgli di entrare nella Internazionale Immobiliare per mantenerne il controllo. Il Papa è l’unico che può esprimere il voto decisivo, quindi, non potendo agire altrimenti, Michael si reca a raccontare la verità sulla truffa a un importante cardinale, Lamberto, noto per la sua saggezza e onestà. L’ecclesiastico crede alle parole del boss e lo convince, inoltre, a fare la prima confessione da più di trent’anni: inizialmente restio, Michael alla fine accetta e, scoppiando in lacrime, confessa i propri peccati, esternando tutto il rimorso per le proprie azioni, soprattutto l’omicidio di Fredo. Alla morte di Paolo VI Michael scopre che Lamberto, eletto con il nome di Giovanni Paolo I, ha deciso di avviare un’indagine sulla truffa segnalatagli e di ratificare il contratto con la Famiglia Corleone: ciò ovviamente è un’ottima notizia per la Famiglia, ma Michael capisce che presto il nuovo papa potrebbe essere assassinato.

Anche la vita di Michael è in pericolo, poiché Altobello si è nel frattempo recato nel paese di Montelepre, dove ha assoldato un sicario siciliano, Mosca, noto per la sua infallibilità. Nonostante il soggiorno in Sicilia offra a Michael e Kay l’occasione per riconciliarsi, quando Don Tommasino, eterno amico dei Corleone, viene assassinato da Mosca, Michael comprende che tutto il suo operato per estraniare la famiglia dal crimine è stato vano. Non potendo proseguire, cede il comando al nipote, che per l’occasione assume il nome di Don Vincenzo Corleone, e si ritira a vita privata, giurando a Dio di non avere mai più a che fare con il crimine. La sera del debutto di Anthony al Teatro Massimo di Palermo, Vincent manda sicari a eliminare Frederick Keinszig, che viene soffocato e impiccato a un ponte, e l’Arcivescovo Gilday, che viene crivellato da Al Neri, mentre Connie Corleone avvelena Don Altobello con dei cannoli e Calò, braccio destro di Tommasino, uccide Lucchesi conficcandogli nel collo i suoi stessi occhiali. Purtroppo, tutto questo non avviene abbastanza tempestivamente da impedire che l’assassinio ai danni del papa, tramite l’avvelenamento del suo , venga attuato. All’uscita del Teatro Massimo, Mosca spara contro Michael, ma riesce solo a ferirlo e a colpire per errore la figlia di quest’ultimo, Mary, che rimane uccisa.

Bagheria1997: Michael, ormai solo e abbandonato da tutti, è tornato a vivere in Sicilia. Nella quiete della stessa villa dove cinquant’anni prima era morta Apollonia Vitelli, il boss spira roso dal rimorso di una vita sbagliata.

Il padrino, Epilogo: La morte di Michael Corleone

Nel 2020, in occasione del 30º anniversario dell’uscita nelle sale del film, il regista Coppola ha annunciato una nuova versione ufficiale del film intitolata Il padrino, Epilogo: La morte di Michael Corleone (in originale, The Godfather, Coda: The Death of Michael Corleone), nuova edizione modificata e restaurata del film. La nuova versione include un inizio e una conclusione diversi, oltre che inquadrature diverse e una nuova partitura musicale. Questa versione, della durata di 159 minuti, è stata definita da Coppola come “una conclusione più appropriata per Il padrino e Il padrino – Parte II“, rendendo così la vecchia versione non più valida.[21][22][23]

Regia di Francis Ford Coppola

Con Al PacinoAndy GarcíaSofia Coppola e Robert Duvall

Fonte: WIKIPEDIA

Foto interna ed esterna: https://www.primevideo.com/-/it/detail/Mario-Puzo—Il-Padrino-epilogo-La-morte-di-Michael-Corleone/0PZ25OTW3K270WV5SDB2PGZA7D