giovedì, Maggio 23, 2024
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Le Iene” del 23 aprile 2024 alle 21.15 su Italia 1: il toto-nomi per la conduzione di Sanremo 2025

Anticipazioni per “Le Iene” del 23 aprile 2024 alle 21.15 su Italia 1: il toto-nomi per la conduzione di Sanremo 2025

le iene

Anticipazioni per “Le Iene” del 23 aprile 2024 alle 21.15 su Italia 1: il toto-nomi per la conduzione di Sanremo 2025 – Martedì 23 aprile, in prima serata su Italia1, nuovo appuntamento con “Le Iene” condotto da Veronica Gentili con Max Angioni. Tra gli ospiti in studio: il regista Riccardo Milani e il rapper Leon Faun.

Tra i servizi:

Gaston Zama ha portato l’On. Carlo Amedeo Giovanardi a Berlino per un’inchiesta sulla legalizzazione della cannabis in Germania. Giovanardi, che da sempre è a favore della lotta contro la droga, avrà avuto modo, alla fine del viaggio, di dimostrarsi possibilista sul modello tedesco in sperimentazione che consente l’uso e la coltivazione privata della cannabis?

Nina Palmieri affronta il delicato tema dell’incongruenza di genere, la condizione che riguarda tutte quelle persone che hanno un’identità di genere diversa da quella assegnata alla nascita. Ai microfoni dell’inviata le testimonianze di quattro famiglie che raccontano il percorso dei propri figli tra sfide e difficoltà.

Subito dopo la fine del festival di Sanremo, è partito il toto-nomi per la prossima conduzione nel 2025. Stefano Corti ha intervistato alcuni dei personaggi che sarebbero in lizza per presentare la kermesse canora, tra cui: Carlo Conti, Stefano De Martino, Paolo Bonolis, Alessandro Cattelan, Gigi D’Alessio, Alessia Marcuzzi e Fiorello.

L’ideatore del programma è Davide Parenti. In regia Antonio Monti. Il programma può essere seguito in streaming, anche all’estero, su www.iene.it.

Le Iene è un programma televisivo italiano di genere informazione, approfondimento e cronaca, della VideoNews in diretta su Italia 1 dal 22 settembre 1997.

Il programma, curato e prodotto dalla testata giornalistica italiana Videonews, è nato da un’idea di Davide Parenti come versione italiana del programma televisivo argentino Caiga quien caiga, inizialmente era orientato verso una dimensione provocatrice, nel corso del tempo ha dato sempre più spazio a servizi di denuncia, spesso sfociati nell’inchiesta. Il programma, tuttavia, è diventato spesso oggetto di controversie per il modo sensazionalistico con cui vengono realizzati molti servizi.

L’obiettivo del programma sono gli inviati, le cosiddette iene, che solitamente realizzano autonomamente i propri reportage per proporli a Davide Parenti, autore e coordinatore dell’intero programma. Nel corso delle stagioni, molte iene hanno poi proseguito la loro carriera televisiva diventando conduttori o personaggi di successo, come è successo per: Teo Mammucari, il Trio MedusaMaccio CapatondaFabio Canino e Nadia Toffa. Anche i conduttori del programma, che solitamente non realizzano servizi ma si limitano a lanciarli durante il programma, vengono definiti “iene”. Alcune Iene sono iscritte all’albo dei giornalisti[1].

Foto interna ed esterna: https://www.quimediaset.it/comunicati/al-via-la-nuova-stagione-de-le-iene_37083.html