martedì, Giugno 25, 2024
Home > Anticipazioni TV > Anticipazioni per “Il Trittico” di Puccini del 22 maggio alle 10 su Rai 5: dal Teatro Comunale di Modena

Anticipazioni per “Il Trittico” di Puccini del 22 maggio alle 10 su Rai 5: dal Teatro Comunale di Modena

il trittico

Anticipazioni per “Il Trittico” di Puccini del 22 maggio alle 10 su Rai 5: dal Teatro Comunale di Modena – Per la Grande Musica Lirica in TV andrà in onda oggi mercoledì 22 maggio alle 10 su Rai 5 dal Teatro Comunale di Modena “Il Trittico”, musica di Giacomo Puccini, Milano Orchestra della Fondazione Arturo Toscanini, Direttore Julian Reynolds.

Coro lirico Amadeus Teatro Comunale di Modena, Maestro del coro Stefano Colò.

Il Trittico è il nome con cui sono conosciute tre opere in un atto musicate da Giacomo PucciniIl tabarro, su libretto di Giuseppe AdamiSuor Angelica e Gianni Schicchi, entrambe su libretto di Giovacchino Forzano.

Intorno al 1904, Puccini iniziò la pianificazione di una serie di opere in un atto, in gran parte a causa del successo di Cavalleria rusticana di Pietro Mascagni.[1] In origine, aveva in mente di scrivere ogni opera per riprendere ognuna delle tre cantiche della Divina Commedia di Dante. Tuttavia, alla fine basò solo Gianni Schicchi sul poema di Dante.[2] Inizialmente Puccini compose solo Il tabarro (l’idea originaria gli fu suggerita dall’ascolto a Parigi, nel 1912, del dramma La houppelande di Didier Gold). Solo in seguito pensò di accompagnare questo truce dramma con altri due lavori di carattere contrastante, appunto Suor Angelica, scritta tra la fine del 1916 ed i primi mesi del 1917, e Gianni Schicchi, terminato nella primavera del 1918.

Le tre opere furono rappresentate in prima assoluta il 14 dicembre 1918 al Metropolitan di New York con esito sostanzialmente positivo, anche se solo Gianni Schicchi fu accolto senza riserve.[3] La “prima” fu diretta dal Maestro Roberto Moranzoni.

Sebbene all’inizio fosse apprezzato soprattutto Gianni Schicchi (che comunque rimane il più rappresentato fra le tre opere anche per la famosa aria O mio babbino caro[4]), mentre Puccini preferiva Suor Angelica, oggi l’orientamento della critica è mutato e tutte e tre le opere sono entrate a pieno titolo nei repertori dei teatri lirici.

Puccini voleva che tutte e tre le opere fossero eseguite come un insieme, e scrisse a Casa Ricordi per lamentarsi del permesso nel 1920 alla Royal Opera House di Londra di eseguire Il tabarro e Gianni Schicchi senza Suor Angelica. Accettò con riluttanza che le due opere fossero date in un programma con i Balletti russi di Sergej Djagilev, ma quando venne a sapere che Il tabarro era stato lasciato cadere, scrisse all’amica Sybil Seligman per dire “Mi spiace molto che il Trittico venga rappresentato in pezzi – ho dato il permesso per due opere, e non una, in collaborazione con il Balletto russo “.[5] Raramente, però, vengono eseguite tutte assieme, sebbene abbiano conquistato un posto stabile in cartellone.

In televisione è nota la versione del 2008 del Teatro alla Scala di Milano diretta da Riccardo Chailly per la regia di Luca Ronconi ripresa da Rai 2 e trasmessa anche da Classica HD e Rai 5.

Sinossi

Luogo: Una chiatta sulla Senna a Parigi.
Tempo: 1910.
L’opera è molto scura e cupa, piena di violenza: ha un carattere verista.

Luogo: Un convento vicino a Siena.
Tempo: L’ultima parte del XVII secolo.
Questa seconda opera, la preferita di Puccini[6] (ma di solito è quella che viene omessa se sono eseguite solo due opere) è un racconto edificante sulla redenzione religiosa.

Luogo: Firenze.
Tempo: 1299.
La terza opera è la più famosa, una farsa piena di avidità e connivenze.

Foto interna ed esterna: https://www.raiplay.it/programmi/tritticodipucciniteatrocomunaledimodena