mercoledì, Ottobre 28, 2020
Home > Marche > Morte al Luna Park, indagata la titolare dello Sling Shot

Morte al Luna Park, indagata la titolare dello Sling Shot

La Procura della Repubblica di Ascoli Piceno ha iscritto nel registro degli indagati la titolare dello Sling Shot, la giostra del luna park di San Benedetto del Tronto dalla quale lo scorso 14 luglio è precipitata e morta Francesca Galazzo, 27 anni del posto, madre di un bambino di due anni. Un atto soprattutto a garanzia della donna, Graziella Metastasio, indagata per omicidio colposo, che avrà quindi modo di essere rappresentata da un perito in occasione dell’autopsia che verrà affidata domani in tarda mattinata al medico legale Giuseppe Sciarra, che la eseguirà nel pomeriggio. L’avviso è stato notificato anche ai familiari della giovane vittima che nomineranno a loro volta un medico legale

Si chiamava Francesca Galazzo, 27 anni, la giovane madre è morta ieri sera in un incidente avvenuto in un Luna Park a San Benedetto del Tronto poco dopo le 23. La ragazza è precipitata da circa 20 metri nel vuoto, dopo essere salita su una delle attrazioni, lo ‘Sling Shop’, dove era salita con un’amica. Si tratta di una ‘capsula gravitazionale’ dove possono entrare due persone. Per cause che dovranno essere chiarite dalle indagini, svolte dalla polizia e coordinate dal pm Mara Flaiani, la giovane si è sganciata dalle cinture di sicurezza ed è precipitata al suolo da una ventina di metri. La struttura è stata posta sotto sequestro. Francesca lascia un bambino.
Dai primi accertamenti risulta che le due amiche erano entrambe aggangiate ai supporti. Tuttavia, a un certo punto, Francesca si è sganciata precipitando nel vuoto sotto gli occhi di decine di persone. La giovane è apparsa subito gravissima e a nulla sono valse le manovre di rianimazione messe in atto dai sanitari del 118. La Procura della Repubblica di Ascoli Piceno ha disposto il sequestro della capsula. Sarà l’inchiesta della magistratura ascolana a stabilire cosa non ha funzionato nel dispositivo di sicurezza al quale la donna era stata agganciata prima che l’attrazione venisse messa in movimento dagli addetti.

“E’ inaccettabile che ancora oggi si possa morire su una giostra. Le attrazioni dei luna park dovrebbero garantire in modo totale la sicurezza degli utenti, che pagano biglietti per divertirsi, non certo per rischiare la vita”, commenta il presidente del Codacons Carlo Rienzi . “Vogliamo sapere – seguita Rienzi – quale fosse il livello di sicurezza della capsula gravitazionale da cui è precipitata la donna, quale manutenzione sia stata fatta sulla struttura e quale attività abbiano svolto gli organi di controllo competenti. Crediamo inoltre sia necessario disporre controlli a tappeto su luna park stabili e giostre itineranti nel nostro paese, che si moltiplicano senza sosta e che devono garantire l’incolumità dei fruitori”. (Fonte ANSA)

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *