martedì, Ottobre 20, 2020
Home > Marche > Commercio, le strategie dell’Amministrazione contro le barriere architettoniche

Commercio, le strategie dell’Amministrazione contro le barriere architettoniche

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – La Consulta comunale per la disabilità nei mesi passati ha censito oltre 150 attività nel centro di San Benedetto del Tronto che presentano barriere architettoniche all’ingresso. Una situazione su cui è difficile intervenire in assenza di norme che obblighino i locali già esistenti a dotarsi di strumenti per il superamento dei dislivelli, ma che l’Amministrazione guidata da Pasqualino Piunti intende  comunque affrontare utilizzando le leve a sua disposizione.

 

Sul tema questa mattina si è tenuto incontro coordinato dagli assessori alle attività produttive Filippo Olivieri e alle politiche sociali Emanuela Carboni con i tecnici dei settori Urbanistica e Opere pubbliche per valutare quali misure è possibile adottare.

 

“Stiamo lavorando ad una capillare campagna di sensibilizzazione verso gli operatori – spiega l’assessore Carboni – perché, con un piccolo investimento, possano dotarsi di pedane mobili che assicurino al disabile una mobilità autonoma. La soluzione del campanello da suonare, infatti, richiede comunque l’intervento di un’altra persona. La campagna comprenderebbe il conferimento di una speciale qualifica all’attività e la pubblicizzazione, in tutte le forme a disposizione dell’Ente, dell’elenco degli esercizi che dimostrano di essersi adeguati a quello che, se non è un obbligo di legge, è certamente un dovere di civiltà”.

 

“Nel programma di mandato di quest’Amministrazione – aggiunge l’assessore Olivieri – c’è un impegno esplicito per introdurre, a partire dal 2019, un’agevolazione sulla tassa dei rifiuti per quelle attività commerciali che sostengono spese per l’eliminazione delle barriere architettoniche. Abbiamo ancora un po’ di tempo per mettere a punto i dettagli della misura, ma già da ora i commercianti che intendono farlo possono conservare i documenti che comprovano l’investimento effettuato”.

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *