giovedì, Ottobre 22, 2020
Home > Marche > “Cittadinanzattiva” spinge per gli ascensori alla stazione di San Benedetto

“Cittadinanzattiva” spinge per gli ascensori alla stazione di San Benedetto

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Durante la mattinata del 6 settembre, a San Benedetto del Tronto, presso il ristorante Puerto Baloo, ha avuto luogo una conferenza stampa riguardante l’installazione degli ascensori nella stazione della città.

È stata “Cittadinanzattiva” ad organizzare l’incontro. Essa è una delle associazioni più importanti per quanto riguarda la tutela e la promozione dei diritti dei cittadini. Attualmente conta più di 90 mila aderenti divisi in 12 associazioni ed è presente su tutto il territorio italiano con 19 sedi regionali e 250 assemblee locali.

La discussione è stata incentrata sulle numerose barriere architettoniche che attualmente rendono la città invivibile per i diversamente abili. In quest’ultima categoria non rientrano solo persone con disabilità perenni, ma anche mamme incinte o persone con limiti fisici momentanei.

Nella stazione di San Benedetto ad aiutare i diversamente abili è presente solo la “Sala Blu”. Il servizio di assistenza, però, funziona solamente se il disabile avvisa minimo una giornata in anticipo.

Mentre le altre grandi stazioni Marchigiane provvedono alle proprie mancanze, i lavori per l’installazione degli ascensori nella stazione di San Benedetto sono stati rimandati al 2019, anno in cui sono previsti estesi lavori di riconfigurazione del piano dei binari, legati all’arrivo dell’alta velocità sul tratto Ancona-Bari.

È stato proprio il timore che i lavori vadano per le lunghe ad aver spinto l’avvocato Patrizia Lo Giacco, coordinatrice locale di “Cittadinanzattiva”, a richiedere all’amministrazione di agire prima del 2019.

Sempre l’avvocatessa ha anche proposto di <<indire una “giornata della disabilità”, con il fine di mostrare a tutti i cittadini, per una o più ore, cosa vuol dire non potersi muovere liberamente nella propria città>>.

Lorenzo Pallotta

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *