sabato, Ottobre 31, 2020
Home > Abruzzo > Gianluca Pomante: “Oggi finalmente Ginoble s’è desto”

Gianluca Pomante: “Oggi finalmente Ginoble s’è desto”

Cosa succede nel PD? A quanto pare, il Ministro delle Infrastrutture, il Sottosegretario di Stato e il Presidente della Regione Abruzzo, non sembrano avere alcuna considerazione del parlamentare abruzzese Tommaso Ginoble, nonostante facciano parte dello stesso partito.
Che Ginoble sia “distratto” e “timido” è noto da tempo ed è la stessa classifica di Openpolis (https://parlamento17.openpolis.it/parlamentare/cosa/id/4922/sf_highlight/ginoble) a renderlo evidente, classificandolo per produttività al 594° posto su 630 deputati e rilevando il 25% delle assenze al voto (in pratica non ha votato un provvedimento su 4) ma che non abbia avuto notizia, dai suoi stessi compagni di partito ai vari livelli (Ministero, Regione e Provincia) di cosa stava accadendo con le strade provinciali è davvero paradossale e denota una situazione tragicomica all’interno del partito di governo che, del resto, mostra nelle diatribe teramane tutto il suo “splendore”.
L’On.le Ginoble ed i suoi fedelissimi sono talmente impegnati nell’opera di disgregazione della segreteria provinciale da non accorgersi di cosa sta succedendo ai danni dei cittadini che li hanno votati.
L’on.le Sottanelli e l’Assessore Regionale Pepe avevano dato l’allarme già il 6 agosto 2017, censurando l’operato del Ministro, del Presidente della Regione, dell’Anas e dello stesso Sottosegretario di Stato che oggi ha confermato all’On.le Ginoble la mancata riclassificazione delle strade del teramano, raccogliendo e rilanciando, in quell’occasione, le proteste del Presidente della Provincia di Teramo, Renzo Di Sabatino, il quale, nello schema di Decreto per la riclassificazione delle strade provinciali d’Abruzzo (passaggio amministrativo indispensabile per la riconsegna all’Anas) aveva purtroppo constatato l’assenza di qualsiasi provvedimento per Teramo.
Un provvedimento che penalizza ulteriormente la nostra provincia, già messa in ginocchio da 12 mesi infernali di calamità naturali ed ora nuovamente tradita. Oggi, finalmente, Ginoble s’è desto, i teramani possono ora dormire sonni tranquilli.
 
Gianluca Pomante
Coord. Reg.le Abruzzo Civico
Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *