giovedì, Ottobre 22, 2020
Home > Abruzzo > Teramo, esplode cavo alta tensione : sbalzi di corrente possibile causa

Teramo, esplode cavo alta tensione : sbalzi di corrente possibile causa

Teramo – E’ stata una notte agitata, quella appena trascorsa, per i residenti del quartiere stazione di Teramo.

Intorno all’una di notte una squadra dei vigili del fuoco di Teramo è intervenuta in viale Crispi, davanti al distributore della Q8, a seguito di una forte esplosione avvertita in tutta la zona, epilogo di continui sbalzi di corrente che si sono succeduti durante tutta la serata e che lasciavano presagire qualcosa di strano nell’aria.

Giunti rapidamente sul posto, i vigili del fuoco hanno riscontrato che un tombino in ghisa, a servizio dell”elettrodotto interrato di 20.000 volts, era stato proiettato verso l’alto e che dalla buca che si era creata sulla strada fuoriuscivano fiamme basse.

Alcuni testimoni hanno riferito che, a seguito dell’esplosione, il tombino aveva divelto l’asfalto con cui era ricoperto ed era ricaduto sulla strada ad una distanza di circa 20 metri.

Fortunatamente, vista l’ora tarda, i numerosi esercizi commerciali presenti nell’area, erano chiusi e al momento dell’esplosione, nel tratto di strada interessato, non transitavano né autoveicoli né pedoni.

Il personale dell’ENEL, intervenuto sul posto, non ha escluso che l’esplosione sia stata causata da sbalzi di corrente che hanno fuso il rivestimento in catrame, creando all’interno del tombino gas infiammabili che potrebbero essersi innescati a causa di un corto circuito verificatosi sulla linea elettrica.

La squadra intervenuta ha atteso l’affievolirsi delle fiamme, nel frattempo ha transennando a monte ed a valle la strada ed ha richiesto l’intervento di personale dell’ENEL, che una volta giunto sul posto ha provveduto a mettere in sicurezza la linea elettrica. Per tutta la durata dell’intervento il tratto di strada interessato l’esplosione è rimasto chiuso al traffico veicolare. Sul posto sono intervenuti anche carabinieri e polizia di stato.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *