sabato, Ottobre 31, 2020
Home > Sport in Pillole > Sport ragazzi: quando i genitori sono i peggiori ultras

Sport ragazzi: quando i genitori sono i peggiori ultras

< img src="https://www.la-notizia.net/genitori" alt="genitori"

Lungi da me fare di questa rubrica una sezione tecnica o di taglio giornalistico (sono un semplice appassionato) ; mi soffermerò sugli aspetti emotivo/sociali/culturali che ruotano intorno al meraviglioso mondo dello sport.
In questa prima ‘pillola’ parlerò del calcio giovanile.

Seguo sempre le partite di mio figlio e posso assolutamente affermare che i bimbi sono gli unici ad essere irreprensibili e in linea con i principi dello sport : si impegnano sempre (anche sul 10 a 0), non perdono mai tempo (vogliono divertirsi) e alla fine sono sempre felici.

Il male sono i genitori che pretendono che il proprio figlio sia un campione, che discutono le scelte del mister (addirittura i moduli!!!), che urlano ‘spaccalo’ per fermare il più bravo degli avversari; taluni mister bestemmiano o insultano (insieme ai genitori) l’arbitro per un fallo o un fuorigioco non visto…
Il campo sportivo è lo specchio della nostra cultura, del nostro modo di non saper affrontare la vita. Dovremmo imparare a stimolare i nostri figli si ma rincuorandoli per una sconfitta, a ringraziare l’arbitro solo per il fatto di aver permesso alla partita di svolgersi.

La cosa che più fa sorridere é che gli stessi genitori che si comportano come i peggiori ultras dicono che la rovina dei figli sono i genitori….
Nell’ultima partita di mio figlio addirittura un dirigente/genitore ha insultato l’arbitro apostrofandolo come ‘ciccione di m…. corri.’ per un fuorigioco non visto….. Non oso pensare che educazione possa dare in casa al povero figlio. Alla prossima

P.P.

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *