domenica, Ottobre 25, 2020
Home > Marche > Disabilità, come farsi riconoscere lo stato di particolare gravità

Disabilità, come farsi riconoscere lo stato di particolare gravità

Occorre fare domanda alla Commissione sanitaria provinciale entro il 12 maggio

 

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Entro il 31 gennaio 2018 è possibile presentare domanda, con raccomandata o con posta certificata, presso l’apposita Commissione sanitaria provinciale (Servizio di Medicina legale dell’Area vasta 5 ad Ascoli Piceno), per il riconoscimento dello stato di particolare gravità del disabile. Tale riconoscimento dà diritto di accesso all’intervento di assistenza domiciliare indiretta consistente in un contributo economico per l’assistenza fornita da un familiare, convivente o no, oppure da un operatore esterno individuato dal disabile stesso o dalla famiglia.

Possono fare domanda le persone disabili già riconosciute in situazione di disabilità gravissima già beneficiarie di accompagnamento che si trovino in una delle condizioni indicate dal bando. Sono esclusi gli ospiti di strutture residenziali, i soggetti che beneficiano del contributo regionale previsto per il progetto “Vita Indipendente” e quelli che beneficiano del contributo previsto per le persone affette da Sclerosi Amiotrofica Laterale (SLA) e che percepiscono il cosiddetto “assegno di cura” rivolto ad anziani non autosufficienti.

Coloro che sono stati già riconosciuti in situazione di particolare gravità negli anni precedenti non devono ripresentare la domanda.

Per informazioni ulteriori rivolgersi al Comune di appartenenza affinché il referente del servizio possa fornire idonee informazioni ed eventualmente indirizzare a visita coloro che siano in possesso dei requisiti. A San Benedetto, i recapiti sono quelli dell’Ufficio disabilità e disagio mentale (tel. 0735794299) e dello Sportello Sociale (tel.0735794558).

 

 

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *