domenica, Novembre 28, 2021
Home > Marche > L’Ugl: strada di Relluce, un inferno di buche ed avvallamenti

L’Ugl: strada di Relluce, un inferno di buche ed avvallamenti

 

ASCOLI PICENO – Secondo quanto riferito dalla direzione provinciale dell’Ugl la strada che dalla Salaria sale a Relluce dove c’è il Polo Impiantistico (impianti tmb-forsu) sarebbe in grave dissesto.

“Nella parte superiore del tratto di strada  – spiega il sindacato – che conduce a Relluce ci sono ampi avvallamenti e buche di grandi dimensioni. A richiesta di intervento il Comune di Ascoli Piceno, che ha la responsabilità della manutenzione della strada comunale, è intervenuta con provvedimento tampone quale quello di ricoprire gli avvallamenti e le buche con breccia di riporto; ma la prima pioggia ha portato via la breccia, ha svuotato le buche e gli avvallamenti hanno lasciato una aggravata condizione di dissesto.

La strada per Relluce non è strada secondaria. Su quel tratto di strada salgono e scendono giornalmente decine di camion; sono i mezzi di Picenambiente e di Ascoli Servizi Comunali che trasportano tutti i rifiuti della Provincia che vanno trattati su quell’impianto, prima di essere trasferiti in discarica. E poi ci sono i 15 lavoratori dell’impianto che prestano servizio a Relluce per sei giorni la settimana.

In quel tratto di strada mancano le normali condizioni di sicurezza; la viabilità è estremamente dissestata; uomini e mezzi sono esposti ad un pericolo giornaliero ed immanente.

Fortunatamente e per caso, fino a oggi, si sono evitati brutti incidenti; ma certamente se non ci sarà un intervento strutturale e immediato del Comune di Ascoli Piceno su quel tratto di strada per Relluce, accadrà qualcosa di irreparabile.

La UGL, insieme a una quindicina di lavoratori che percorrono giornalmente quella rischiosa strada, autisti di Picenambiente, di Ascoli Servizi Comunali e personale in servizio a Relluce, hanno presentato un esposto alla Procura della Repubblica di Ascoli Piceno.

Abbiamo evidenziato un pericolo continuo e immanente, chiedendo alla Procura di agire a termine di legge, nei confronti di chi ha la responsabilità di manutenzione di quel tratto di strada”.