domenica, Ottobre 25, 2020
Home > Marche > Sisma, medaglia d’oro al Valore Civile al Dipartimento della Protezione Civile

Sisma, medaglia d’oro al Valore Civile al Dipartimento della Protezione Civile

La giunta regionale, riunita ieri mattina a palazzo Raffaello, ha assistito in diretta streaming alla cerimonia di conferimento della Medaglia d’oro al Valore Civile al Dipartimento della Protezione Civile da parte del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

L’onorificenza rappresenta il segno tangibile di riconoscenza nei confronti di tutte le componenti del Servizio Nazionale per l’attività svolta in occasione dei terremoti che dall’agosto 2016 hanno colpito il centro Italia e la Regione Marche è stata rappresentata nel comitato operativo nazionale in qualità di rappresentante delle Regioni per l’emergenza sanitaria nazionale.

La cerimonia si è svolta a Roma, nella sede del Dipartimento, preceduta dalla visita del Presidente della Repubblica alla Sala Situazione Italia e delle altre sale e di monitoraggio. Insieme con la Sottosegretaria di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Maria Elena Boschi e il Capo Dipartimento Angelo Borrelli, il Capo dello Stato nel momento della consegna ha espresso l’apprezzamento e la riconoscenza del Paese.

“La protezione civile è un punto di raccordo e fusione complesso – ha detto Mattarella – che abbraccia tutte le amministrazioni dello Stato e che si occupa di entrambi i versanti, quello della prevenzione e quello dell’intervento. Un’attività di coordinamento e raccordo che richiede un lavoro impegnativo, serio, scientifico e costante per il quale servono dedizione e capacità e il Paese vi è riconoscente per questa dedizione per questa capacità. Grazie per quello che fate”.

Per l’opera di soccorso e assistenza alle popolazioni dopo i terremoti che hanno colpito l’Italia centrale, ha sottolineato Boschi “la Protezione civile è un pilastro e un patrimonio del nostro Paese, un esempio di vicinanza dello Stato ai cittadini”, nonché la “dimostrazione di ciò che l”Italia può fare quando è unita e lavora insieme”. Un Paese di grande bellezza ma anche tra i più fragili, ha detto nella sua relazione Borrelli dopo la proiezione di immagini toccanti che hanno raccontato le principali emergenze a cui la protezione civile ha dovuto far fronte negli ultimi anni, le scosse sismiche che hanno colpito il centro Italia e la serie di eventi eccezionali nel gennaio scorso con l’emergenza maltempo sovrapposta alle scosse di terremoto, “immagini ormai impresse nella memoria del Paese”.

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *