mercoledì, Aprile 14, 2021
Home > Marche > Luca Traini: “Non voglio soldi, dateli agli italiani bisognosi”

Luca Traini: “Non voglio soldi, dateli agli italiani bisognosi”

< img src="https://www.la-notizia.net/traini" alt="traini"

MACERATA  – Luca Traini voleva sparare ad Innocent Oseghale, nigeriano 29enne in carcere a Montacuto con l’accusa di occultamento e vilipendio di cadavere in relazione alla morte di Pamela Mastropietro. La sparatoria di sabato scorso ha l’indubbio sapore della vendetta.Traini non si è pentito delle proprie azioni. E parla di “immigrazione incontrollata”.

Stava andando in palestra quando alla radio ha sentito di nuovo parlare della vicenda della giovane il cui cadavere è stato rinvenuto smembrato e chiuso in due valigie nelle campagne di Pollenza. Ed è stato proprio lì che il giovane, residente a Tolentino, avrebbe rivolto una preghiera pensando proprio a lei. Non si sono mai conosciuti, ma l’orribile fine della ragazza avrebbe fatto scattare nella sua mente il black-out.

Non ha mostrato segni di pentimento, ha chiesto al proprio legale solo notizie inerenti la donna colpita per errore. Il legale della difesa, Giancarlo Giulianelli, in questi giorni sembrerebbe essere tempestato di chiamate di persone che vogliono dare il proprio sostegno, anche economico, a Luca Traini.

Ma lui, di soldi, non vuole sentir parlare: “Dateli agli italiani bisognosi”. Traini è in carcere a Montacuto per tentata strage aggravata da odio razziale. Dice di sentirsi a casa. Nessun rimpianto, nessun rammarico. L’avvocato sostiene di aver incredibilmente ricevuto tantissime manifestazioni di solidarietà rivolte al giovane, sicuramente espressione di un disagio sociale che va, via via, crescendo.

Il 28enne di Tolentino, di fronte al gip, nel corso dell’udienza di convalida, si è avvalso della facoltà di non rispondere. Ma si è confidato col pm, confermando quale fosse stato l’obiettivo del suo gesto.

Su Facebook c’è anche chi lo conosceva e ha deciso di spendere qualche parola per lui: “Oggi vorrei spendere qualche riga e dire due parole sulla mia esperienza personale con Luca Traini visto che su di lui è stato detto un po’ di tutto anche da persone che non lo mai visto…siamo stati compagni di palestra per quasi 10 anni e non ha mai infastidito nessuno…semmai il contrario. E’ sempre stato una persona molto solare, affettuosa e disponibilissima”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *