sabato, Settembre 18, 2021
Home > Abruzzo > Il poliziotto artista Elio Lucente da stella nascente a collezionatore di prestigiosi premi

Il poliziotto artista Elio Lucente da stella nascente a collezionatore di prestigiosi premi

Chi avesse solo per un attimo pensato ad una meteora si è sbagliato di grosso.
Elio Lucente, il poliziotto artista di stanza al supercarcere di piazzale vittime del dovere a Sulmona, si sta rivelando sempre più un’icona nel mondo dell’arte contemporanea internazionale.

-Ad affermarlo è Mauro Nardella componente dell’esecutivo nazionale dell’International Police Association-

Ai tanti prestigiosi premi incassati dall’eclettico artista pratolano, Elio ha visto riconosciuto il suo immane talento attraverso l’attribuzione della “Golden Palm for The visual art” nel salone del Mistral Radisson blu Nice Cote’ d’Azur( Francia);
inserito ed accreditato, nella nuova corrente artistica denominata “arte paradisiaca” nell’atlante dell’arte contemporanea edito da De Agostini e presentato in uno dei musei più importanti del mondo qual’è quello dell’Ara Pacis a Roma grazie alla Stars SRLS che ha permesso ad una commissione scientifica molto selettiva di annoverare le opere di Lucente in un volume che raccoglie i più importanti artisti viventi;
Il suo dipinto Grace Kelly, attualmente ancora esposto insieme a tantissime opere di Van Gogh, ha ricevuto il premio internazionale Van Gogh e, grazie alla presentazione fatta dal noto critico d’arte Sandro Serradifalco, pubblicato sul catalogo Van Gogh;
l’artista abruzzese colleziona anche il diploma d’onore anno 2018,con associata medaglia d’oro, dalla redazione dell’arte e del mercato nazionale con due cataloghi ufficiali edito da Effeci;
le sue opere rientranti nel filone ” woman in The rain” ,appositamente fotoligrafate, rimarranno perennemente esposte insieme ad opere di pittori del 400 e 500, nella collezione privata Cavallini-Sgarbi.

-Ci tiene ad evidenziare Nardella-

Niente male per un’artista divenuto per la sua grande umiltà intimo amico José Van Roy Dalì figlio del celeberrimo Salvador.
Personalmente sono convinto – conclude Nardella- che molte altre opere del poliziotto penitenziario artista faranno parlare di sé. Tra esse citerei “la stanza dei ricordi”, ” L’etoile”, “vite parallele”, “Angel” e “i colori della vita”.
Autentici capolavori frutto di un talento innato ma anche di tanta, tanta applicazione.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net