venerdì, Gennaio 22, 2021
Home > Marche > Grottammare, Lorenzo Vesperini e Movimento Nazionale per La Sovranità annunciano un piano per la riqualificazione degli edifici pubblici comunali

Grottammare, Lorenzo Vesperini e Movimento Nazionale per La Sovranità annunciano un piano per la riqualificazione degli edifici pubblici comunali

Un piano di lavori pubblici a costo zero per la riqualificazione energetica e funzionale degli edifici pubblici. Subito le scuole con l’obiettivo di prenotare 4,5 milioni di finanziamenti. Lorenzo Vesperini Sindaco, ed il Movimento Nazionale per La Sovranità (rappresentato da Massimo Mattoni candidato nella lista Citta FUTURA) annunciano un piano per la riqualificazione degli edifici pubblici comunali.
Il fondo al quale accedere è denominato conto termico 2.0, 200 milioni destinati alla riqualificazione energetica del patrimonio pubblico. Il fondo attivato con D.M.16/02/2016 rientra nelle politiche ambientali conseguenti al protocollo di Kyoto per la riduzione del consumo dei combustibili fossili e dei gas serra attraverso l’incentivo alle fonti rinnovabile. Sono finanziabili fino a 1,5 milioni ad intervento.
Requisiti necessari sono l’analisi energetica degli edifici ed il progetto di riqualificazione
completamente rimborsati dal GSE, mentre le spese di riqualificazione sono finanziate per il 65%.
Se l’intervento fosse a carico dell’amministrazione il restante 35% dovrebbe essere reperito nei
bilanci comunali con mutui. Esiste l’opportunità di far attuare il progetto da società di servizi
denominate ESCO. La società assegnataria diventa soggetto responsabile e percepisce direttamente
i fondi stanziati dal GSE pari al 65% del costo di riqualificazione, mentre il restante 35% viene
finanziato con i risparmi dei consumi. L’amministrazione avrà in bilancio costi invariati a quelli
attuali per la spesa energetica per un periodo di n. anni (il tempo deriverà dall’analisi energetica e
dalle economie derivanti e dall’esito del bando pubblico di assegnazione) al termine del quale
l’amministrazione avrà delle economie e potrà capitalizzare i risparmi gestendo in proprio gli edifici
o appaltando nuovamente la somministrazione di energia ad altra società ESCO a costi nettamente
inferiori.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *