lunedì, Settembre 21, 2020
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Il film consigliato stasera in TV: “DREDD – LA LEGGE SONO IO” venerdì 23 agosto 2018

Il film consigliato stasera in TV: “DREDD – LA LEGGE SONO IO” venerdì 23 agosto 2018

Il film consigliato stasera in TV: “DREDD – LA LEGGE SONO IO” venerdì 23 agosto 2018 alle 21:00 su LA 7

 

Dredd – La legge sono io (Judge Dredd) è un film del 1995 diretto da Danny Cannon, tratto dall’omonimo personaggio dei fumetti ideato nel 1977 da John Wagner e Carlos Ezquerra, con protagonisti Sylvester Stallone, Rob Schneider, Diane Lane e Armand Assante.

In un’epoca futura, il clima e l’ambiente cambiano bruscamente per gli effetti dei bombardamenti di una guerra nucleare e buona parte del pianeta si trasforma in un lugubre e sperduto deserto denominato “Terra Maledetta”. La maggior parte dei pochi abitanti sopravvissuti si ammassa in alcune gigantesche megalopoli, dove vengono instaurate delle società violente e corrotte (una di queste è Megacity, sorta dove un tempo sorgeva l’antica città di New York). La legge degli uomini, ormai non più efficace nel debellare il crimine, viene quindi sostituita da una nuova e violenta organizzazione di controllo e d’ordine, i cui rappresentati sono i cosiddetti “Giudici”, che hanno molto potere: infatti, oltre a catturare coloro che si sono macchiati di crimini, possono giudicarli, condannarli ed eseguire le condanne stesse. Il “Giudice”, secondo questa concezione, è una sorta di poliziotto-giurato-giudice-giustiziere, tutto in un’unica e sola persona.

Nella città di Megacity, Joseph Dredd, il “Giudice” più freddo e spietato, per il quale rispettare la legge è tutto ciò che conta, affronta diversi criminali e rinchiude in galera Herman Ferguson, detto “Fergy”, un fanatico esperto d’informatica appena uscito di prigione.

Nel frattempo, un assassino psicopatico, l’ex-Giudice Rico, riesce, assassinando il direttore di prigione Miller, ad evadere dal penitenziario diAspen; arrivato a Megacity, Rico si reca in un negozio di armi e recupera un’uniforme ed una pistola d’ordinanza dei Giudici, arma denominata “Legislatore”. Immediatamente dopo, Rico uccide il proprietario del negozio, e trova un robot ABC, una macchina gigantesca dalle sembianze vagamente umane, che riattiva e che ri-programma vocalmente come sua guardia del corpo.

Ritenendo che i metodi usati dai Giudici di strada siano brutali ed eccessivamente oppressivi, ma che allo stesso tempo siano avallati da persone molto più in alto dei semplici Giudici di strada (ed appartenenti al Consiglio Supremo dei Giudici), il noto giornalista e cronista televisivo Vartis Hammond vuole denunciare i suoi sospetti in una trasmissione televisiva. Tuttavia, prima di poter far questo, il reporter Hammond e la moglie Lily vengono assassinati senza pietà da un Giudice in uniforme, che in apparenza sembra essere Dredd, in quanto porta il distintivo col suo nome. Inoltre si scopre che le pallottole estratte dai corpi dei malcapitati morti ammazzati sono marcate inequivocabilmente con il DNA di Dredd. Il Giudice Dredd viene quindi arrestato per omicidio e condannato all’ergastolo, pena da scontare per intero nella prigione di Aspen.

Intanto Griffin il nuovo Capo della Corte Suprema dei Giudici, succeduto all’ex Capo-Giudice Fargo, si incontra con Rico e rivela di essere lui il responsabile dell’evasione del pazzo criminale, ed ordina a Rico medesimo di creare il caos più assoluto in tutta Megacity, al fine di convincere il Consiglio dei Giudici a riattivare il progetto “Giano”, un esperimento genetico di clonazione per creare il “Giudice perfetto”.

Mentre Dredd viene deportato ad Aspen su di un aereo da trasporto prigionieri, si ritrova seduto a fianco di “Fergy”. L’aereo viene individuato da dei razziatori solitari della “Terra Maledetta”, gli “Angeli”; uno di loro abbatte l’aereo con un lanciarazzi e l’aereo si schianta nel deserto. Dredd e “Fergy” vengono catturati e fatti prigionieri dagli “Angeli”, che si rivelano anche essere dei cannibali. Dredd riesce a liberarsi e ad uccidere alcuni “Angeli”. Intanto intervengono altri Giudici recatisi nel luogo dell’incidente; questi hanno ricevuto l’ordine diretto da Griffin di eliminare tutti i carcerati coinvolti nell’incidente aereo, ma Dredd riesce ad ammazzarli per primo. Un Giudice sopravvissuto è sul punto di uccidere Dredd, quando viene colpito dall’ex Capo-Giudice Fargo comparso improvvisamente; l’anziano Giudice è riuscito a salvare la vita di Dredd, ma viene immediatamente accoltellato mortalmente alle spalle.

In punto di morte, Fargo decide di svelare la verità a Dredd, raccontandogli del progetto “Giano”, cominciato quarant’anni prima. Dredd apprende così di essere lui stesso frutto di un esperimento genetico di clonazione, ottenuto dall’elaborazione del DNA dello stesso Giudice Fargo, al fine di creare il “Giudice perfetto”, migliorandone le qualità e cancellandone i difetti. Dredd apprende di avere anche un fratello, in quanto nell’esperimento vennero creati due bambini. Ad entrambi, per anni, furono raccontate storie fasulle sulle loro famiglie, in realtà mai esistite. Il fratello di Dredd è proprio il criminale Rico, il quale in passato era il migliore amico d’accademia di Dredd medesimo; il DNA di Rico mutò, poi, inspiegabilmente e ciò rese l’ex-Giudice un pazzo criminale e sanguinario. Rico, in seguito a tale fatto, cominciò a sterminare persone innocenti, e dunque Dredd, dopo averlo catturato, lo condannò a passare il resto della sua vita nel penitenziario di Aspen. Dredd comprende quindi che il vero assassino del giornalista Hammond è Rico, in quanto i due possiedono lo stesso DNA. A sua volta Fargo, prima di spirare, comprende che Griffin è in combutta con Rico, e per questo motivo chiede a Dredd di fermarli entrambi.

Nel frattempo, Rico fa uccidere la maggior parte di Giudici di Megacity. Vengono uccisi 148 giudici in due soli giorni. In seguito a questi eventi, il Giudice-Presidente Griffin riesce a convincere il Consiglio Supremo dei Giudici a riaprire il controverso progetto “Giano”, con la scusa ufficiale di rimpiazzare rapidamente i Giudici di strada uccisi negli attentati con dei cloni. Successivamente i Giudici del Consiglio, dopo un’iniziale collaborazione con Griffin, si rifiutano con fermezza di appoggiarlo. Allora Griffin convoca immediatamente Rico, il quale stermina in pochi istanti i Giudici McGruder, Esposito e Silver.

Intanto Dredd e “Fergy” giungono, dal deserto, alle mura esterne di Megacity. Riescono ad entrare entro le mura passando attraverso una delle condotte di scarico dell’inceneritore della città; nuovamente all’interno della città i due giungono alla sala del Consiglio dove è stato riaperto il progetto “Giano”, e dove Dredd rivede l’ex-amico Rico, che fugge. Griffin blocca Dredd, il quale tenta di convincere il Giudice-Presidente ad arrendersi, ma questo si ferisce da solo ad un braccio e richiama un gruppo di altri Giudici ed ordina loro di fermare Dredd e “Fergy”, accusandoli di essere stati gli autori del massacro degli altri Giudici del Consiglio.

Dredd e “Fergy” riescono a fuggire su di una moto volante e, dopo un lungo inseguimento, con alle calcagna altri Giudici sulle loro moto volanti, si recano alla casa della Giudice Hershey. Raccontandole del progetto “Giano”, Dredd convince Hershey a recarsi, insieme a lui ed a “Fergy”, alla Statua della Libertà, ove è situato il laboratorio genetico del progetto “Giano” e dov’è custodito il computer principale responsabile del funzionamento del progetto stesso.

Nel laboratorio genetico Rico decide di sostituire il DNA originale, preposto allo sviluppo dei cloni, con il suo DNA mutato; Griffin tenta di ostacolare il folle gesto di Rico, ma viene preso dal robot-guardia ed ucciso. Arrivati Dredd, Hershey e “Fergy”, questi ultimi vengono subito attaccati dal robot-guardia; quest’ultimo cattura Hershey e spara, ferendolo lievemente, a “Fergy”. Mentre tenta di ammazzare Dredd il robot viene assalito alle spalle da “Fergy”, che gli stacca alcuni cavi di controllo importanti dal suo collo robotico, mettendolo fuori uso.

Dredd insegue Rico fino alla cima della testa della Statua della Libertà; alla fine di un’aspra lotta tra i due, Dredd riesce a far precipitare Rico giù dalla statua uccidendolo, ma rimane a malapena appeso con un braccio al bordo dell’apertura della testa della statua stessa. Ilsa Hayden, collaboratrice di Rico, tenta così di ucciderlo, ma viene fermata giusto in tempo da Hershey.

Alla fine, Dredd, Hershey e “Fergy” vengono a conoscenza del fatto che la Centrale dei Giudici ha diffuso notizie e particolari sul progetto “Giano”, su chi era coinvolto e su come si sono svolti veramente i fatti, cosa che convince la città e tutti i Giudici superstiti dell’innocenza di Dredd. I Giudici rimanenti richiedono a Dredd stesso di divenire il nuovo Giudice-Presidente della Corte Suprema di un Consiglio dei Giudici ricostituito, ma Dredd rifiuta affermando di essere un semplice “Giudice di strada”.

Regia di Danny Cannon

Con Sylvester Stallone, Diane Lane, Armand Assante Rob Schneider

Fonte: WIKIPEDIA

Redazione
La-Notizia.net (www.la-notizia.net) nasce il 27 marzo 2017 con la registrazione presso l'Ufficio delle Entrate di San Benedetto del Tronto della Associazione Culturale “LA NUOVA ITALIA” peraltro già attiva dal 2007 nel settore della promozione di convegni ed iniziative letterarie ed artistiche volte a tutelare i valori culturali e nazionali della tradizione e della innovazione Italiana nell'ambito delle attività creative e divulgative. Dopo un decennio di attività la assemblea dei soci ha deciso di registrare a fini legali e fiscali la propria Associazione per poter intraprendere la attività editoriale di un quotidiano on-line innovativo e futuristico in ambito locale, nazionale ed internazionale denominato La-Notizia.net individuando il Direttore della testata nella propria socia fondatrice dr.ssa Lucia Mosca riconoscendone le importanti qualità professionali e culturali. A seguito dell'avvenuta ufficializzazione e della attribuzione di partita IVA alla nostra Associazione presso la sede storica situata a San Benedetto in via Roma, 18 si è proceduto alla prescritta registrazione della testata presso il tribunale di Ascoli Piceno perfezionata con numero 534 del 9 maggio 2017 consentendoci in tal modo di trasformare il blog già operativo da qualche mese in giornale quotidiano on-line a tutti gli effetti. Nei 13 mesi trascorsi da allora il giornale ha già totalizzato oltre un milione di visualizzazioni ed è attualmente in progressiva e forte crescita giungendo a sfiorare nell mese di maggio le 150 mila visualizzazioni mensili. Tale importante crescita deriva dalla volontà del direttore Lucia Mosca di creare un organo di informazione indipendente e che sappia coprire l'informazione locale, nazionale ed internazionale con professionalità ed onestà intellettuale, dando voce a tutti i liberi cittadini a tutela della libertà di espressione tutelata dall'art. 21 della nostra Costituzione. Una voce libera ed autorevole guidata da Lucia Mosca che, dopo aver avviato la propria attività giornalistica nel 1993 con Il Messaggero di Macerata ed aver proseguito negli anni con Il Messaggero Ancona (e cronaca nazionale), Il Messaggero San Benedetto del Tronto ed Ascoli Piceno, Ancona e nazionale, Il Resto del Carlino Marche, Ascoli Piceno e Ancona, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale, ha deciso di dare vita ad un organo di informazione che potesse dare piena espressione all'esperienza acquisita. La-Notizia.net dà voce a tutti, a prescindere dal colore politico e dalla appartenenza etnica, culturale e religiosa, purché si mantengano i criteri del rispetto della libertà e della dignità altrui, dell'oggettività e della rilevanza di una cronaca che sia effettivamente a favore di una utilità sociale di cui mai come ora c'è concretamente bisogno. Si tratta di un quotidiano nazionale con edizioni locali per Marche ed Abruzzo. Per ora solo on line, presto su cartaceo e dotato di web tv. Il direttore è particolarmente sensibile alla valorizzazione del territorio, della attività che stanno faticosamente cercando di uscire dal periodo di crisi. Ha inoltre un occhio particolarmente attento per ciò che concerne il mondo dell'arte in tutte le sue sfaccettature. https://www.facebook.com/La-notizianet-340973112939735/ https://twitter.com/LuciaMosca1 e-mail: info@la-notizia.net Tel. +39 346 366 1180

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com