domenica, Ottobre 17, 2021
Home > Abruzzo > Teramo, il sindaco D’Alberto agli alunni della scuola elementare San Giorgio:”Studiare per essere più consapevoli”

Teramo, il sindaco D’Alberto agli alunni della scuola elementare San Giorgio:”Studiare per essere più consapevoli”

TERAMO – Studiare per essere più consapevoli. Questa l’esortazione del sindaco Gianguido D’Alberto rivolta la scorsa settimana ai ragazzi di alcune classi della scuola elementare San Giorgio nella insolita cornice del mercato coperto. L’occasione è stata fornita dagli appuntamenti previsti nell’ambito della manifestazione “Libriamoci” che ha accolto tra l’altro come ospite Don Aniello Manganiello, il sacerdote anticamorra presente in città per il premio Borsellino. Il sindaco, accompagnato dall’assessore alla Pubblica Istruzione Maria Cristina Marroni, dopo un breve saluto dello stesso Don Aniello, ha sottolineato l’importanza della applicazione e della conoscenza della realtà per poter essere poi capaci di giudicare e di fuggire le insidie. Ed ha invitato i ragazzi ad appassionarsi alla lettura, che consente di conoscere il mondo e di apprezzare la bellezza e la libertà.

In un’altra cornice, sebbene anche in questo caso all’interno del programma del premio Borsellino, il sindaco ha invece incontrato gi studenti dell’Istituto Di Poppa, anticipando con il suo saluto la relazione dello stesso Don Manganiello. D’Alberto ha sottolineato come la cultura, il lavoro e il Vangelo vissuto nei fatti e nelle azioni (così come testimoniato da don Aniello) siano gli elementi per legalizzare i singoli e la società. “Gli eroi di oggi  – ha detto il Sindaco – hanno la forza di dare la propria vita per la legalità; sembrano figure irraggiungibili e invece noi dobbiamo comprendere il loro messaggio, il senso forte che vogliono trasmetterci con ciò che fanno. Al dovere – ha aggiunto –  corrispondono i diritti e il primo dovere è combattere l’indifferenza, il male più grande della nostra società”. Quindi con un evidente riferimento ai fatti dell’attualità, il sindaco ha concluso tra gli applausi dei ragazzi dicendo:  “Noi non possiamo essere indifferenti a chi ha bisogno e a chi chiede il nostro aiuto”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net