sabato, Gennaio 16, 2021
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Il film consigliato stasera in TV: “HARRY POTTER E I DONI DELLA MORTE – PARTE 2” mercoledì 5 dicembre 2018

Il film consigliato stasera in TV: “HARRY POTTER E I DONI DELLA MORTE – PARTE 2” mercoledì 5 dicembre 2018

Il film consigliato stasera in TV: “HARRY POTTER E I DONI DELLA MORTE – PARTE 2” mercoledì 5 dicembre 2018 alle 21:25 su ITALIA 1

 

Harry Potter e i Doni della Morte – Parte 2 (Harry Potter and the Deathly Hallows – Part 2) è un film del 2011 diretto da David Yates.

È la seconda parte dell’adattamento cinematografico dell’omonimo romanzodi J. K. Rowling, trasposto in due pellicole separate, e ultimo adattamento cinematografico della serie di Harry Potter. Attualmente è il decimo maggiore incasso nella storia del cinema.

«It all ends.»     «Tutto finisce.»

(Tagline del film)

La pellicola ha inizio dove si era conclusa la precedente: Voldemort ha profanato la tomba di Albus Silente per impossessarsi della leggendariaBacchetta di Sambuco. Harry Potter ha abbandonato Hogwarts per cercare e distruggere gli Horcrux, oggetti in cui Il Signore Oscuro ha imprigionato una parte della propria anima, e continua la sua missione dopo la morte dell’elfoDobby. Dopo un breve intro, nel quale si assiste a una scena con Severus Piton, preside di Hogwarts, intento a osservare i propri studenti marciare per i corridoi del castello, il film ha veramente inizio a Villa Conchiglia, dai giovani coniugi Bill Weasley e Fleur Delacour.

Harry continua la ricerca dei rimanenti Horcrux ed è convinto che uno di essi si trovi nella camera blindata di Bellatrix Lestrange alla Gringott, la banca dei maghi. Chiede quindi aiuto al folletto Unci-Unci, anch’egli tratto in salvo daVilla Malfoy, che però in cambio gli chiede la spada di Godric Grifondoro. Harry chiede poi informazioni a Olivander, salvato anch’esso dalle segrete di Villa Malfoy, riguardo alle bacchette rubate a Bellatrix e a Draco. Il mago gli dice che se un mago riesce a disarmarne un altro la lealtà della bacchetta del mago sconfitto cambia. Harry, Ron, Hermione e Unci-Unci si dirigono quindi alla Gringott e riescono ad ingannare gli attentissimi folletti della banca: Hermione con la Pozione Polisucco, grazie alla quale prende le sembianze di Bellatrix Lestrange, Ron subendo alcune trasformazioni fisiche, e Harry e Unci-Unci nascondendosi sotto il Mantello dell’Invisibilità.

Una volta entrati nella camera blindata, Harry individua subito l’Horcrux, poiché lo può sentire: il quarto Horcrux è la coppa di Tosca Tassorosso; ma la facilità del ritrovamento è solo apparente, poiché ogni oggetto in quella camera è maledetto con la Maledizione Geminio, che moltiplica ogni cosa venga toccata. Dopo esser riusciti a prendere la coppa, i tre vengono traditi dallo stesso Unci-Unci, che scappa con la spada. Il trio viene quindi scoperto dalle guardie che tentano in ogni modo di non farli scappare: sono così costretti a fuggire in groppa al drago-guardia delle camere blindate, che li porta fino ad un lago nel quale si tuffano. Harry riesce a vedere, attraverso delle visioni, Voldemort infuriato con i folletti e con le guardie della Gringott e scopre anche che il quinto Horcrux è legato a Priscilla Corvonero.

I tre protagonisti decidono perciò di tornare a Hogwarts e si materializzano aHogsmeade. Si rifugiano in una casa, che si scoprirà poi essere la dimora diAberforth Silente, fratello del defunto Albus Silente: è lui che ha sempre aiutato Harry ed è lui che ha mandato Dobby al cospetto di Harry nel momento del bisogno a Villa Malfoy. Aberforth rivela anche che lui e Silenteavevano una sorella, Ariana, morta molto giovane. Grazie a lei il trio scopre un passaggio segreto per il castello, incontrando primo fra tutti l’amico Neville Paciock, che li porta in un rifugio dell’ E.S. (Esercito di Silente). Lì Harry scopre che l’Horcrux è il diadema di Priscilla Corvonero, ma viene anche a conoscenza del fatto che nessun essere vivente lo ha mai visto, pertanto sarà necessario parlare con qualcuno che è morto: così avviene il dialogo tra Harry e la Dama Grigia. Nel frattempo Severus Piton viene informato della presenza di Harry nella scuola e raduna tutti gli insegnanti ed alunni nella Sala Grande. In quel momento Harry si rivela e la professoressa Minerva McGranitt si erge in sua difesa dando inizio ad un duello con il neopreside, costretto alla fuga.

La guerra ha così inizio, mentre la voce magicamente amplificata e penetrante di Voldemort chiede di non opporre resistenza al suo esercito e di consegnargli Harry Potter. Durante la battaglia Ron e Hermione ritornano nella Camera dei Segreti con l’intento di usare una zanna dell’ormai decomposto Basilisco per distruggere la coppa di Tassorosso. Ed è proprio Hermione a farlo, scatenando un enorme tsunami che inonda la camera e da cui Ron e Hermione escono vittoriosi, scambiandosi finalmente un bacio. Intanto, Harry giunge nella Stanza delle Necessità, dove trova il diadema, poi distrutto con la zanna di Basilisco. Lo getta nella Stanza, travolta dalle fiamme scatenate da Gregory Goyle, accorso insieme a Draco Malfoy e Blaise Zabinia caccia di Harry, e che, non riuscendo a domare il suo incantesimo, prende fuoco insieme alla quantità di oggetti riposti all’interno.

Harry ha una nuova visione dei pensieri di Voldemort e scopre che l’ultimo Horcrux è il serpente, Nagini, che si trova insieme al suo possessore verso la rimessa delle barche. Lì assistono ad un nuovo brutale omicidio del Signore Oscuro, che sgozza il fidato servitore Piton, convinto così di diventare in tal modo l’unico vero possessore della Bacchetta di Sambuco, uno dei Doni della Morte e la bacchetta più potente al mondo, poiché era stato proprio Piton a uccidere Silente. Ormai in punto di morte, il professore consegna ad Harry i ricordi della sua vita tramite una lacrima, per poi spegnersi del tutto.

E così, mentre Lord Voldemort concede un’ora di pausa ai combattenti per disporre dei propri caduti (tra cui Remus Lupin, Ninfadora Tonks e Fred Weasley), Harry, nel Pensatoio, versa le lacrime di Piton: scopre che lui fin da piccolo era innamorato di Lily Evans, che lui per primo vide il cadavere dei genitori e che promise di difendere Harry come pegno dell’amore che provava per sua madre; pur essendo stato alleato di Voldemort, era sempre stato dalla parte di Silente dal momento della tragedia diGodric’s Hollow. Scopre anche che lo stesso Silente aveva confidato a lui il segreto più grande: Harry è l’ultimo Horcrux e deve morire per mano del suo stesso nemico. Infine, si scopre che essendo stato colpito da una maledizione posta da Voldemort nell’anello di Orvoloson Gaunt, Silente chiede proprio a Piton di ucciderlo, e tutto questo si collega con il loro ultimo frammento di litigio nella torre di Astronomia e a cui Harry aveva assistito.

Compreso quanto visto nel pensatoio, Harry rivela la verità a Ron e Hermione e si reca nella Foresta Proibita, dove lo aspetta Voldemort. Una volta lì, il Boccino donatogli da Albus Silente si apre mostrando al suo interno la Pietra della Resurrezione, l’ultimo Dono della Morte insieme alla Bacchetta e al Mantello. Grazie ad essa Harry è in grado di far ritornare a lui i suoi più cari defunti: la madre, il padre, Sirius e Lupin, che lo accompagnano verso le braccia della morte. Harry si consegna a Voldemort, che gli scaglia contro l’Anatema che Uccide, ma, invece di morire, il ragazzo si risveglia in un limbo, dove viene accolto da Albus Silente, che gli spiega i punti oscuri della storia e lo incoraggia a tornare nel mondo dei vivi per affrontare e sconfiggere Voldemort una volta per tutte.

Con la convinzione di aver ucciso la sua nemesi, Voldemort avanza verso Hogwarts, obbligando tutti ad inchinarsi al suo cospetto. Fra i combattenti si erge Neville, che estrae la spada di Grifondoro dal Cappello Parlante, scatenando l’apocalisse finale e dando modo ad Harry di rivelarsi. I due rivali arrivano così al duello finale: mentre Harry si scontra da solo con Voldemort a colpi di magie, Molly Weasley pone fine alla vita di Bellatrix Lestrange, e Neville uccide Nagini, il serpente del Signore Oscuro, che è l’ultimo Horcrux rimasto. Harry e Voldemort si scagliano l’ultimo incantesimo e questi, ormai mortale e non possessore della Bacchetta di Sambuco come crede, muore definitivamente, diventando cenere.

Harry, dopo aver spiegato a Ron e Hermione di essere lui stesso il degno possessore della Bacchetta di Sambuco, avendo disarmato Draco che a sua volta aveva disarmato Silente, decide di non conservarla e la spezza gettandola nel Lago Nero, per poi osservare i resti di Hogwarts insieme ai due inseparabili amici. Diciannove anni dopo la vicenda narrata: i figli di Harry e Ginny e quelli di Ron e Hermione prendono posto nell’Espresso per Hogwarts presso il Binario 9 e 3/4, sotto gli occhi orgogliosi dei genitori che hanno concluso il loro cammino.

Produzione

Regia di David Yates

Con Daniel Radcliffe, Emma Watson, Rupert Grint, Helena Bonham Carter Ralph Fiennes

Fonte: WIKIPEDIA

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *