sabato, Novembre 27, 2021
Home > Marche > “Quando la chimica è bella e utile”: a Sarnano la 21° edizione del premio San Giacomo della Marca

“Quando la chimica è bella e utile”: a Sarnano la 21° edizione del premio San Giacomo della Marca

< img src="https://www.la-notizia.net/san-giacomo" alt="san giacomo"

Il primo dicembre si è svolta a Sarnano la 21° edizione del premio San Giacomo, dedicato quest’anno alla chimica con il titolo QUANDO LA CHIMICA È BELLA E UTILE.

Il convegno, dedicato alla figura di valenza europea del Santo, giurista diplomatico e predicatore, organizzato dal Circolo Culturale Guardiamo al Futuro, associazione fondata da Luciano Magnalbò negli anni ‘80, si è svolto in collaborazione con le Università di Camerino, Macerata, Perugia e Urbino ed hanno portato i loro saluti Pietro Celani, Vice Presidente del Consiglio Regione Marche e il dott. Paolo Massi, Delegato Marche Nord del Sovrano Militare Ordine di Malta; il sindaco di Sarnano, impegnato in Friuli per il ringraziamento a quella Regione, che con i suoi fondi e con le sue maestranze ha materialmente ricostruito la scuola materna distrutta dal terremoto, ha delegato il proprio saluto al dott. Paolo Del Giudice, consigliere comunale e direttore sanitario delle Terme di Sarnano.

Come oramai ogni anno ha guidato il Convegno il Prof. Diego Poli dell’Università di Macerata, dando la parola ai relatori e commentandone gli interventi. Il prof. Corrado di Nicola di Unicam ha parlato della chimica e della creatività che essa può sostenere applicata all’uso di vari materiali, mentre la Prof. Graziella Rosselli, sempre di Unicam, ha spiegato come le nuove tecnologie si avvalgano della chimica per la valorizzazione e il restauro del patrimonio artistico, in special modo delle immagini; sul medesimo versante il Prof. Aldo Romani dell’Università di Perugia – Centro di eccellenza SMAART – che con una sua squadra itinerante per l’Europa indaga con la luce i segreti delle opere d’arte; dedicato ai libri invece l’intervento del Prof. Franco Mariani dell’Università di Urbino, il quale ha spiegato come con la chimica si possano affrontare i problemi di conservazione e di autenticità degli antichi volumi e darne soluzione.

Il Prof. Lorenzo Teodonio del C.N.R. -Istituto Centrale del Restauro del Patrimonio Archivistico e Librario – e la Prof. Virginia Gonzalez direttrice del Museo Sarmiento di Buenos Aires, la quale ha portato un saluto dell’Argentina, hanno messo in luce la collaborazione tra i due Enti per il recupero dei patrimoni librari e di archivio dei due paesi.

Ha concluso il ciclo di relazioni la dott.ssa Manuela Martellini di Unimc con una magistrale lettura delle poesie di Dino Campana e con altrettanto magistrale commento.

Quest’anno il premio San Giacomo della Marca è stato assegnato al Prof. Claudio Pettinari, Magnifico Rettore dell’Università di Camerino che con il suo modo di fare semplice e cordiale ha ringraziato e speso parole di apprezzamento per il convegno e illustrato i programmi di Unicam per il prossimo futuro, mentre il Riconoscimento Giacominiano è andato al Prof. Francesco Adornato, Magnifico Rettore dell’Università di Macerata, riconoscimento, che per la sua assenza per motivi familiari, è stato consegnato al Prof. Poli.

L’Ambasciata di Ungheria presso la Santa Sede ha inviato al dott. Umberto Zamponi, grande organizzatore e da sempre regista degli eventi, una lettera contenente rallegramenti e auguri per il Prof. Pettinari, nonché sensi di grande stima per la sua figura, rinnovando l’apprezzamento per il valore culturale della manifestazione che ogni anno si ripete e che unisce le Marche all’Ungheria, dove S. Giacomo svolse la sua opera di grande giurista e predicatore.

Non occorre dire che Umberto Zamponi ha già messo in cantiere la XXII edizione del premio, e a lui va un ringraziamento e un cordiale applauso.

(Foto di Fabrizio Petrocchi)

Luciano Magnalbò

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net