giovedì, Gennaio 21, 2021
Home > Abruzzo > Rifiuti da Roma in Abruzzo, Mazzocca sull’operato di Virginia Raggi

Rifiuti da Roma in Abruzzo, Mazzocca sull’operato di Virginia Raggi

< img src="https://www.la-notizia.net/virginia-raggi" alt="virginia raggi"

Il Sottosegretario Regionale Mario Mazzocca commenta l’operato del Sindaco di Roma Virginia Raggi (M5S) relativamente alle recenti richieste di indirizzare i rifiuti capitolini in Abruzzo:

“È ormai chiaro che la Sindaca di Roma Capitale, Virginia Raggi, in due anni e mezzo di mandato, contrariamente a quanto sbandierato in campagna elettorale, non ha risolto il problema ormai strutturale della gestione dei rifiuti della nostra Capitale. Probabilmente non poteva, sicuramente non ci ha neanche timidamente provato. Chi oggi critica la Sindaca ne ha ben donde: lo stucchevole balletto sul rimpallo di competenze tra Comune e Regione ci lascia basiti. Sarà pure che normativamente la Regione abbia il ruolo principale sulla gestione dei rifiuti del Lazio e di Roma Capitale, ma se il Sindaco di una città ha un’emergenza da fronteggiare, competenze o meno, lotta in prima linea, alza il telefono e chiama le istituzioni che possono aiutare, cerca di portare a casa il risultato il prima possibile. Il ruolo del sindaco, volenti o nolenti, va spesso oltre le mere competenze di legge e rappresenta il primo reale interfaccia delle istituzioni con i cittadini. Altro che “E allora il PD?”!

Ciò detto, mi soffermo un momento sul tema della gestione dei rifiuti urbani. Ritengo, (non solo ma soprattutto) a tal proposito, che chi si impegna vada premiato, mentre chi non si impegna vada penalizzato. Mi spiego meglio. L’Abruzzo ha raggiunto in soli 4 anni una percentuale di raccolta differenziata pari al 62% (nel 2014 eravamo fermi al 46% circa), smaltisce correttamente i propri rifiuti e non ha criticità né emergenze da affrontare almeno per il prossimo quinquennio. Le realtà che hanno problemi – peggio ancora se strutturali – nella gestione dei rifiuti, e che per questo sono costrette a smaltire la propria spazzatura in altri territori, andrebbero penalizzate.

Lo scorso anno assistemmo ad un misero balletto delle cifre sul prezzo di conferimento dei rifiuti di Roma: in Piemonte o in Emilia Romagna, qualcuno disse nella Capitale, conferire rifiuti costava troppo perciò si pensò all’Abruzzo. Costava troppo? Ma deve costare ancora di più! E in Abruzzo costerà di più, così ci si rende conto che un problema strutturale non si risolve continuando a esportare rifiuti nei territori efficienti ma lavorando al meglio per rendere efficiente il proprio sistema.

Il “Decreto Galletti”, da noi fortemente contrastato, è la legge che prevede la costruzione di nuovi inceneritori, disincentivando così i Comuni a essere più responsabili nello sviluppo della raccolta differenziata. Non funziona così! E’ bene che il “governo del cambiamento” metta al centro della propria agenda politica lo sviluppo dei territori mediante politiche di medio-lungo termine, che puntino alla qualità ambientale ed alla definitiva affermazione dell’economia circolare, come è stato fatto in Abruzzo: premialità a chi differenzia, nessun incentivo per chi non gestisce in modo ottimale i propri rifiuti.

La nostra Regione ne è stata capace e, soprattutto, lo ha fatto contando sulle proprie forze. E’ bene che anche altri inizino ad operare in tal direzione. A partire dall’amministrazione capitolina”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *