giovedì, Aprile 15, 2021
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Il film consigliato stasera in TV: “RAPUNZEL – L’INTRECCIO DELLA TORRE” sabato 22 dicembre 2018

Il film consigliato stasera in TV: “RAPUNZEL – L’INTRECCIO DELLA TORRE” sabato 22 dicembre 2018

Il film consigliato stasera in TV: “RAPUNZEL – L’INTRECCIO DELLA TORRE” sabato 22 dicembre 2018 alle 21:00 su RAI 2

Rapunzel – L’intreccio della torre (Tangled) è un film del 2010 diretto da Nathan Greno e Byron Howard.

Si tratta di un lungometraggio d’animazione in CGI prodotto dai Walt Disney Animation Studios, nonché il 50º classico Disney. La pellicola si basa sullafiaba tedesca Raperonzolo scritta dai Fratelli Grimm. È uscita nelle sale americane il 24 novembre 2010, e in Italia il 26 novembre.

Attualmente è il 6° classico dei Walt Disney Animation Studios ad aver incassato di più nella storia, con un incasso totale di $591,794,936, inoltre è il film più costoso nella storia dei Classici Disney con un budget di ben $200 milioni.

Tanto tempo fa una goccia bella di Sole cadde dal cielo e da essa nacque un fiore luminoso dai poteri magici. Il fiore venne trovato da Madre Gothel la quale, cantando, scoprì come il fiore avesse la capacità di ringiovanire le persone. Per secoli Gothel lo custodì gelosamente, mantenendosi giovane. Secoli dopo, in un regno non lontano, la Regina incinta si ammalò gravemente; cominciò una ricerca per trovare il fiore magico. Venne infine trovato e grazie a esso la Regina guarì e mise alla luce una bambina dai capelli biondi e dorati, la principessa Rapunzel. Gothel, temendo di invecchiare, si intrufolò di notte nel castello, trovò la bambina e cominciò a cantare per vedere se la magia del fiore si fosse trasferita su di lei; la sua ipotesi era esatta, infatti i capelli della bambina si illuminarono e Gothel tornò giovane come quando usava l’incantesimo del fiore. Gothel decise così di tagliare una ciocca dei suoi capelli per avere sempre l’eterna giovinezza, ma, se la ciocca veniva tagliata diveniva bruna e perdeva il suo potere. Così Gothel decise di rapire la bambina.

Passano gli anni e Gothel ha rinchiuso Rapunzel in una torre isolata in mezzo alla bosco per nasconderla al resto del mondo. Rapunzel oramai ha 18 anni e i suoi capelli sono lunghi più di 20 metri; con essi fa salire e scendere la madre dalla torre. Nel corso degli anni, a ogni suo compleanno, migliaia di luci si alzano nel cielo: la ragazza esprime il desiderio di vedere quelle luci. Gothel però nega alla ragazza questa possibilità.

Intanto il furfante Flynn, con due suoi compagni, i fratelli Stabbington, si intrufola nel castello reale rubando il diadema della Principessa Perduta. I tre scappano nella foresta inseguiti dalle guardie reali ma Flynn riesce a fuggire con la corona. Dopo varie peripezie scova la torre di Rapunzel e decide di nascondersi lassù ignaro della sua abitante. Spaventata e credendo che Flynn voglia i suoi capelli, Rapunzel lo tramortisce e lo lega con la sua chioma. Gothel, ignara di tutto, parte per un viaggio lasciando la ragazza da sola. La giovane, che vede in Flynn l’unica speranza di uscire dalla torre, stringe con lui un patto: se Flynn le farà da guida portandola a vedere le luci, lei gli restituirà il diadema che ha nascosto.

Il giovane accetta e, fuggita dalla torre, Rapunzel comincia a scoprire le bellezze del mondo con Flynn. I due sono però inseguiti da Gothel che ha scoperto la fuga e dalle guardie reali che cercano il ladro. Gothel servendosi dei fratelli Stabbington desiderosi di vendetta, tende una trappola a Rapunzel facendole credere che Flynn non solo non l’ama, ma anche che sia fuggito con il diadema abbandonandola, quando in realtà egli è stato già catturato. In lacrime, Rapunzel fa ritorno alla torre, mentre Eugene (il vero nome di Flynn) viene condannato all’impiccagione. Rimasta sola nella torre con Gothel, Rapunzel a un tratto nota come i dipinti sulle cortine presentino tutti quanti un simbolo più o meno nascosto: un sole. Improvvisamente si ricorda delle sue origini, capisce di essere lei la Principessa Perduta e affronta quindi Gothel.

Nel frattempo, Eugene scampa la morte con l’aiuto dei banditi dell’osteria e di Maximus, il cavallo delle guardie, un tempo suo nemico, che diventa di sua proprietà ora, ritornando poi alla torre dove Rapunzel è tenuta legata e imbavagliata. Una volta giunto in cima, viene però pugnalato da Gothel che vuole mettere fine alla storia del segreto dei capelli e scappare con la ragazza. Vedendo Eugene morente, Rapunzel supplica Gothel di permetterle di aiutarlo coi suoi capelli magici in cambio della promessa di seguirla ovunque lei vorrà, senza mai più tentare la fuga. Gothel acconsente ma Eugene preferisce morire piuttosto che accettare che la ragazza perda la sua libertà. Così, Eugene si avvicina a Rapunzel e le taglia definitivamente i capelli, che si scuriscono e perdono la loro magia. Gothel comincia così a invecchiare, a causa della disperazione non si regge più, inciampa nei capelli tagliati di Rapunzel e muore, precipitando dalla torre.

Rapunzel, al capezzale di Eugene, che le rivela il suo amore, tenta invano di utilizzare la magia che ormai i suoi capelli non possiedono più. Una sua lacrima però cade sulla guancia del giovane, scatenando la magia che prima era nei capelli della ragazza e guarendo in tempo la ferita del ragazzo, che si riprende. Ora Rapunzel, la Principessa Perduta, è libera e fa ritorno dai veri genitori. Si tiene una festa per celebrare l’evento e dopo qualche tempo Rapunzel ed Eugene si sposeranno e vivranno per sempre felici e contenti.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Principessa Rapunzel: è la protagonista del film. Principessa dolce, timida e sincera. Il suo unico sogno è vedere le lanterne che volano nel cielo la notte del suo compleanno. Da quasi 18 anni vive rinchiusa per mano di Madre Gothel in un’altissima torre, da cui sogna di fuggire. Si innamora di Flynn/Eugene che la aiuterà nel suo viaggio.
  • Principe Eugene Fitzherbert/Flynn Rider: il protagonista maschile del film. È un giovane ladro coraggioso di 26 anni ed è impulsivo che ruba il diadema della principessa perduta. Dimostra la propria dolcezza e sincerità solo a Rapunzel, di cui si innamora. Eugene Fitzherbert è il suo vero nome. Si innamora della Principessa Rapunzel aiutandola nel suo viaggio.
  • Madre Gothel: è l’antagonista principale del film. È una vecchia malvagia, crudele, egoista e vanitosa. Si finge la madre naturale di Rapunzel, ma in realtà è solo interessata al potere magico dei suoi capelli, che la possono mantenere sempre giovane e bella. Alla fine verrà sconfitta: dopo che Eugene taglia i capelli di Rapunzel, comincia ad invecchiare e, nella furia del momento, inciampa su di essi precipitando dalla torre e trasformandosi in polvere, provocando la sua morte.
  • Pascal: piccolo camaleonte, compagno di giochi di Rapunzel. Ha una personalità sveglia e sospettosa, che già dall’inizio possiede un astio per la monotona vita che conduce nella torre. All’inizio non prova ammirazione per Eugene, ma dopo aver visto quanto forte è il suo amore per Rapunzel diventa suo amico.
  • Maximus: capo della Guardia Reale. Inizialmente è la nemesi di Eugene, sebbene non sia cattivo. È un cavallo molto dolce e altruista, con un forte senso della giustizia.
  • I fratelli Stabbington: sono gli antagonisti secondari del film. All’inizio sono complici di Eugene, ma poi quest’ultimo li tradisce e li fa catturare dalle guardie del regno. Entrambi sono avidi, egoisti e crudeli. Solo uno dei due parla, perché l’altro ha una cicatrice sulla bocca. Per vendicarsi di Eugene, si alleano con Madre Gothel.
  • Uncino, Nasone, Attila, Piccoletto e tanti altri: avventori della taverna “Il Bell’Anatroccolo”. Appaiono come una tremenda accozzaglia di sinistri briganti, ma ciascuno di loro ha un sogno nascosto, e si rivelano dei veri amici per Rapunzel e Eugene.
  • Re Frederic e Regina Arianna: genitori di Rapunzel. L’hanno cercata fin dal giorno in cui Rapunzel era stata rapita da Gothel. Ogni anno, nel giorno del compleanno della figlia, lanciano delle lanterne.

Regia di Nathan Greno e Byron Howard.

 

Fonte: WIKIPEDIA

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *