martedì, Aprile 20, 2021
Home > Marche > Per le festività di Natale l’Itinerario della Bellezza: Urbino, i Borghi più belli d’Italia, storia, arte e cultura

Per le festività di Natale l’Itinerario della Bellezza: Urbino, i Borghi più belli d’Italia, storia, arte e cultura

PESARO URBINO – Un tour, nel periodo più magico dell’anno, quello delle festività di Natale, tra le meraviglie della provincia di Pesaro e Urbino grazie agli ‘Itinerari della Bellezza’. E’ l’interessante proposta della Confcommercio Marche Nord che ha lanciato quest’anno, grazie ad una idea del suo direttore Amerigo Varotti, l’omonimo progetto a cui hanno aderito, al momento, cinque importanti realtà provinciali: Fossombrone, Mondavio, Pergola, Sant’Angelo in Vado e Urbino.

Un progetto di promozione e comunicazione turistica ma anche di gestione dei servizi di informazione e accoglienza turistica e gestione dei servizi culturali. Un itinerario dalla bellezza straordinaria, che racchiude la città di Urbino, culla del Rinascimento, patrimonio mondiale dell’Unesco, due de ‘I Borghi più belli d’Italia’ come Mondavio e Pergola; Forum Sempronii, l’attuale Fossombrone, ricca di arte, storia, cultura; Sant’Angelo in Vado che annovera una delle scoperte archeologiche più importanti del secolo scorso: la Domus del Mito. Un progetto che ormai da mesi è promosso in tutto il mondo nelle più importanti fiere turistiche, dal Canada alla Russia, riscuotendo apprezzamenti e successo.

Grazie alla Card degli ‘Itinerari della Bellezza’, idea regalo originale e preziosa per le festività natalizie, è possibile visitare le bellezze delle città di Fossombrone, Mondavio, Pergola, Sant’Angelo in Vado e Urbino, a prezzi molto agevolati. La Card consente l’ingresso in un sito o museo in ciascuna delle città dell’itinerario: la Quadreria Cesarini o la Pinacoteca a Fossombrone; la Rocca Roveresca a Mondavio; il Museo Dei Bronzi Dorati di Pergola; la Domus del Mito a Sant’Angelo in Vado; l’Oratorio San Giovanni e d San Giuseppe a Urbino. 

Questi ultimi sono due eccellenze del patrimonio culturale urbinate, nel quale spicca il Palazzo Ducale. L’oratorio di San Giovanni è definito ‘una piccola cappella Sistina’: scrigno di un gioiello pittorico dipinto dai fratelli Lorenzo e Jacopo Salimbeni: si tratta di un ciclo di affreschi datato 1416 che oggi, dopo oltre sei secoli, mantiene tutto il suo splendore. La Crocifissione e la Storia di San Giovanni Battista assurgono al titolo di veri e propri capolavori. L’Oratorio di San Giovanni conserva invece uno scenografico Presepio in stucco del 1560, realizzato da Federico Brandani: un’opera unica nel suo genere.

Pergola, entrato nel prestigioso club de ‘I Borghi più Belli d’Italia’ è una città ricca di storia e arte. Il suo Museo ospita i Bronzi Dorati, l’unico gruppo in bronzo dorato esistente al mondo giunto a noi dall’età romana, considerati la più interessante scoperta archeologica del ventesimo secolo. Pergola è conosciuta anche come ‘Pergoletta Santa’ per la nutrita quantità di edifici sacri nel suggestivo centro storico.

Nella vicina Mondavio, Bandiera Arancione e uno de ‘I Borghi più Belli d’Italia’, spicca la maestosa quattrocentesca Rocca roveresca, eretta su disegno du Francesco Di Giorgio Martini: assoluto capolavoro dell’architettura militare rinascimentale. Piccola bomboniera è il teatro Apollo che stupisce per eleganza.

Antica cittadina di origini romane, adagiata su un pendio sovrastato dalla Cittadella e dagli antichi ruderi della quattrocentesca Rocca Malatestiana: siamo a Fossombrone. La Casa Museo e Quadreria Cesarini, dal nome del notaio che visse nel palazzo. Qui è possibile ammirare le opere dell’artista forsempronese Anselmo Bucci e il meraviglioso cortile interno scavato nella roccia. In località San Martino del Piano sorge l’area archeologica di 25 ettari che testimonia la presenza romana. Numerosi i reperti venuti alla luce e raccolti nel museo archeologico ‘A. Vernarecci’.

Sant’Angelo in Vado sorge sulle rovine dell’antica Tiphernum Metaurense. Verso la fine degli anni 90′ è venuta alla luce una perla archeologica, un tesoro unico nel suo genere: la Domus del Mito, una residenza gentilizia di epoca romana datata I secolo d.C.. Piccolo gioiello nel cuore della città è la Chiesa di Santa Caterina delle Bastarde.

Ma quello degli ‘Itinerari della Bellezza’ è anche un tour tra prelibatezze enogastronomiche: dal tartufo, ai vini doc, dal visciolato al farro, dall’olio alla casciotta e crescia sfogliata.

La Card ha un costo di 15 euro ed ha validità annuale a partire dal momento del suo rilascio e sono acquistabili presso il museo di Pergola, gli Iat di Fossombrone, Sant’Angelo, Mondavio e la Confcommercio di Urbino.

Arte, storia, cultura, dolci colline, prodotti tipici: a Natale una immersione nella bellezza della provincia pesarese.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *