lunedì, Ottobre 26, 2020
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Anticipazioni per “QUARTO GRADO” del 5 aprile su RETE 4: l’omicidio dl Stefano Leo ed il caso del 13enne di Prato

Anticipazioni per “QUARTO GRADO” del 5 aprile su RETE 4: l’omicidio dl Stefano Leo ed il caso del 13enne di Prato

quarto grado

Anticipazioni per “QUARTO GRADO” del 5 aprile su RETE 4: l’omicidio dl Stefano Leo ed il caso del 13enne di Prato

Questa sera alle 21:25, su RETE 4 and in onda la tredicesima puntata del 2019 – decima stagione del programma – di “QUARTO GRADO” la popolare trasmissione di cronaca nera condotta da Gianluigi Nuzzi ed Alessandra Viero.

Nella puntata di stasera in studio si discuterà della incredibile vicenda di Prato, dove una 31enne ha avuto un figlio da un ragazzino appena tredicenne: la donna ha dichiarato di essere innamorata del minore, di volere dei figli da lui e di voler lasciare il marito.

Sotto i 14 anni, nel nostro Paese, il consenso ai rapporti sessuali con soggetto maggiorenne non è ammesso e quindi in  tali casi viene presunta la consumazione della violenza sessuale.

La giurisprudenza ammetterebbe sfumature interpretative a ridosso del compimento dell’età del consenso, ma in questa vicenda c’è anche l’aggravante della nascita di un bambino incredibilmente riconosciuto dal marito della donna.

La donna, attualmente agli arresti domiciliari, ha ammesso i rapporti sessuali contestati, ma avrebbe sostenuto la tesi che sarebbero accaduti solo dopo il compimento del quattordicesimo anno del ragazzino.

Il programma curato da Siria Magri approfondirà poi il terribile omicidio di Stefano Leo, ucciso ai Murazzi di Torino lo scorso 23 febbraio.

«Volevo colpire un italiano, così avrebbe fatto scalpore (…) mi sembrava una persona felice e non potevo sopportarlo (…) volevo ammazzare un ragazzo come me, togliergli tutte le promesse che aveva»: con queste parole assurde, il marocchino Sahid Mechaouat avrebbe spiegato l’omicidio del 34enne torinese.

Ancora una puntata di grande interesse quindi per “”Quarto Grado” stasera alle 21:25, su RETE 4.

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *