lunedì, Novembre 29, 2021
Home > Abruzzo > #Docudì2019: proclamato il vincitore. Evento Speciale con Antonietta De Lillo

#Docudì2019: proclamato il vincitore. Evento Speciale con Antonietta De Lillo

< img src="https://www.la-notizia.net/de-lillo" alt="de lillo"

Chiusa l’edizione 2019 con la proclamazione del vincitore e l’”Evento Speciale” con la presenza di Antonietta De Lillo per la proiezione del suo film Metamorfosi Napoletane.

Si è svolta sabato 11 maggio a Pescara, al museo Colonna, la giornata conclusiva di #Docudì2019 –  concorso di cinema documentario promosso dall’assessorato alla Cultura del comune di Pescara e dall’A.C.M.A. (Associazione Cinematografica Multimediale Abruzzese).

Sono stati presentati sei Film, tutti in anteprima regionale, oltre a tre appuntamenti di film sull’Arte.

Quest’anno la particolarità di Docudì, rassegna già svolta negli anni precedenti, è il Concorso che ha visto votare una Giuria, formata dal pubblico in sala.

Tutti i film in concorso, proiettati dal 2 febbraio al 10 maggio, sono stati prodotti nel 2018 e al termine di ciascuna proiezione si è tenuto un dibattito con la presenza dei registi, degli autori, o di esperti. L’intera manifestazione è stata ad ingresso gratuito.

Tutti i film presentati alla pagina https://www.webacma.it/docudi-2019/

Il vincitore di #Docudì2019 è il film Storie del dormiveglia di Luca Magi. Il regista, intervenuto alla serata, ha ritirato il premio dall’Assessore alla Cultura del comune di Pescara Giovanni Di Iacovo.

Il film è stato già premiato come miglior Film Italiano al 14° Biografilm Festival e ha ricevuto la Mention Spéciale Interreligieux al 49° Visions du Réel International Film Festival.

Luca Magi, Diplomato in cinema d’animazione, ha collaborato con varie case editrici in qualità di disegnatore e illustratore. Nel 2012 ha realizzato Anita, presentato in concorso al 30° Torino Film Festival e a DocLisboa. Storie del dormiveglia, il suo ultimo lavoro da regista, nasce dalla sua esperienza come operatore in una struttura d’accoglienza notturna per senza tetto. Attualmente è docente presso l’Accademia di Belle Arti di Urbino.

Dopo la premiazione si è svolto l’incontro con la regista Antonietta De Lillo che ha presentato in anteprima regionale, il film Metamorfosi Napoletane


Metamorfosi Napoletane è l’unione del primo ritratto realizzato da Antonietta De Lillo nel 1993, Promessi Sposi, e del suo ritratto più recente, Il Signor Rotpeter, presentato alla 74° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. Due conversazioni profondamente diverse, una con personaggi realmente esistenti e una con un personaggio inventato, ma unite dalla necessità dei loro protagonisti di effettuare una trasformazione radicale su se stessi, una metamorfosi.


INFO web http://bit.ly/2VOchMU     Facebook http://bit.ly/2VjXPwC     Comunicato stampa http://bit.ly/2vNIoO6

IL FILMATO HD adio-video è scaricabile da https://youtu.be/bu6_0N5U74c


Le foto sono scaricabili da http://bit.ly/30etKNS

L’A.C.M.A. (Associazione Cinematografica Multimediale Abruzzese) nata nel dicembre 2000 è una associazione culturale senza scopo di lucro, costituita esclusivamente da volontari.

Persegue la finalità di promuovere la cultura cinematografica e multimediale attraverso la sua fruizione a vantaggio dei propri associati e dell’intera collettività.

Tra i suoi scopi: coordinare, organizzare e pianificare attività culturali in generale; anche attraverso l’organizzazione di festival, rassegne, cineforum o singole proiezioni.

Nel sito www.webacma.it è possibile avere tutte le informazioni sulle attività ed i progetti dell’Associazione, su come iscriversi e contattarci.
Attiva anche la pagina facebook /AssociazioneACMA dove trovate segnalazioni, appuntamenti, informazioni notizie su Rassegne e Film d’autore, avvenimenti regionali e nazionali.

Docudì – concorso di cinema documentario, a cura dell’A.C.M.A. e del Festival del documentario d’Abruzzo, è nato sul modello del “festival diffuso” avendo il suo svolgimento distribuito nell’arco di quattro mesi per offrire al pubblico la possibilità di accostarsi alle tante forme di osservazione e di indagine della realtà nelle quali si articola il linguaggio cinematografico documentaristico, nonché per creare spazi di espressione per quegli autori e quei registi che con intelligenza e coraggio si cimentano nella narrazione e nell’analisi della realtà contemporanea.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net