mercoledì, Dicembre 11, 2019
Home > Marche > Il gen. Marco Bertolini nel cratere sismico: “Ecco perche’ sono sovranista”

Il gen. Marco Bertolini nel cratere sismico: “Ecco perche’ sono sovranista”

< img src="https://www.la-notizia.net/bertolini" alt="bertolini"

di Maurizio Verdenelli

Un generale di Corpo d’Armata per Giorgia Meloni. Ha fatto tappa, l’altra sera, nel cuore maceratese del cratere sismico. Il gen. Marco Bertolini, gia’ comandante della Brigata Folgore ed in ultimo del COI, attuale presidente dell’associazione dei paracadutisti d’Italia, ora e’ candidato alle Europee. A San Ginesio, Bertolini e’ stato ricevuto dal sindaco Giuliano Ciabocco nella nuova sede municipale ricavata magnificamente nell’ex splendida villa dell’editore Giuffre’ a dominare lo scenario fantastico dei Sibillini ancora abbondantemente innevati. A Bertolini, Ciabocco ha illustrato le nuove preoccupazioni dell’amministrazione sull’erigendo polo scolastico e i motivi per cui ha richiesto un incontro “urgentissimo” al commissario straordinario della ricostruzione, prof. Piero Farabollini.
E’ stata anche l’occasione di un’intervista prima di un’affollata cena con i simpatizzanti cui hanno preso parte alti ufficiali in congedo (tra i quali il gen. Cristofori, ex GdF e il gen. Augusto Staccioli, gia’ comandante della Scuola di Lingue estere dell’Esercito a Perugia).
Generale Bertolini, che pensiero si e’ fatto di Salvini che piace solo a meta’ a Giorgi Meloni?
“Ho di Salvini un giudizio positivo. Sul problema migranti ha elaborato soluzioni e tracciato un trend destinato ad aumentare e consolidarsi. Ha dato maggiore rilevanza all’operativita’ delle Forze dell’Ordine. Ci sono ancora nodi, ma non a causa del ministro. Il Deceto Sicurezza non e’ la soluzione del problema ma rappresenta un’inversione di tendenza. Riconoscendo la possibilita’ di difesa della propria famiglia e di se stessi cosi com’e’ naturale difendere la Patria”.
Come la mettiamo con differenze le differenze che tengono al momento distanti Salvini e FdI?
“Dopo il congedo, a Livorno vivevo e vivo felice con la mia bella famiglia ma ho sentito il dovere di correre a difesa della Patria, accettando l’invito di Giorgia Meloni a candidarmi alle Europee. E circa le differenze con Salvin, non le ritengo cosi forti da precludere a breve un’alleanza. FdI e Lega condivono gli stessi e hanno gli stessi ‘fondamentali'”.
Ma il sovranismo…?
“Guardi, lo chiami come vuole. Io lo chiamo anche e sopratutto Liberta’ dal giogo straniero, autonomia nazionale, Indipendenza per la quale ci sono state quattro guerre risorgimentali (compresa la Grande Guerra circa 100 anni fa)”.
Il sindaco Ciabocco gli ha appena rappresentato i problemi della ricostruzione post sisma…Si, e’ una ricostruzione difficile. Per portarla a termine bisogna ricorrere a leggi e regolamenti eccezionali. Occorre spezzare la mera routine”.
Il ruolo dell’Italia in Europa?
“La nostra Patria dovra’ essere rappresentata con maggiore e forte dignita’. Fino ad oggi non vengono rispettate le nostre sacrosante esigenze di sicurezza. Sogno un uromediterraneo prossimo venturo: l’Europa non si deve limitare a guardare solo ad Est ma pure al Sud. Il caso Libia e’ esemplare: negli ultimi anni, i patners europei hanno agito contro i nostri legittimi interessi”.
(
RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994 al 2015 ha collaborato regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero, Il Resto del Carlino, La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Nel 2009 è direttore del quotidiano teramano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Ora direttore della testata giornalistica on line la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: