lunedì, Ottobre 19, 2020
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Il film consigliato stasera in TV: “GUARDIANI DELLA GALASSIA” lunedì 10 giugno 2019

Il film consigliato stasera in TV: “GUARDIANI DELLA GALASSIA” lunedì 10 giugno 2019

Il film consigliato stasera in TV: “GUARDIANI DELLA GALASSIA” lunedì 10 giugno 2019 alle 21:15 su RAI 4 

 

Guardiani della Galassia (Guardians of the Galaxy) è un film del 2014 diretto e co-scritto da James Gunn.

Prodotto dai Marvel Studios e distribuito da Walt Disney Studios Motion Pictures è il decimo film del Marvel Cinematic Universe e quarta pellicola della cosiddetta Fase Due. Basato sugli omonimi personaggi della Marvel Comics, il film è stato scritto da Gunn e Nicole Perlman e vede tra i suoi protagonisti Chris Pratt, Zoe Saldana, Dave Bautista, Vin Diesel, Bradley Cooper, Lee Pace, Michael Rooker, Karen Gillan, Djimon Hounsou, John C. Reilly, Glenn Close e Benicio del Toro.

Annunciato al Comic-Con 2012 di San Diego, il film è stato distribuito il 1º agosto 2014 negli Stati Uniti e il 22 ottobre in Italia, anche in 3D e IMAX 3D. Nel 2015 il film ottiene due candidature ai Premi Oscar per i migliori effetti speciali e per il miglior trucco. Un sequel, Guardiani della Galassia Vol. 2, è stato distribuito il 25 aprile 2017, ed è stato annunciato un terzo film,Guardiani della Galassia Vol. 3.

Nel 1988, subito dopo la morte della madre, il piccolo Peter Quill viene rapitoda un gruppo di pirati spaziali chiamati “Ravagers”, guidati da Yondu Udonta. Ventisei anni dopo, sul disabitato pianeta Morag, Quill ruba una misteriosa sfera, l’Orb. Quill viene ostacolato da Korath, un alleato del malvagio estremista Kree, noto come Ronan l’accusatore. Quill riesce a seminare Korath e a fuggire da Morag con la sfera, ma Yondu, venuto a sapere del furto ed interessato all’Orb, mette una taglia sulla sua testa, mentre Ronan manda la letale assassina Gamora a recuperare la sfera.

Quill si reca su Xandar, capitale dell’impero Nova, dove cerca di vendere la sfera al Broker, ma egli, venuto a sapere dell’interesse di Ronan per l’artefatto, decide di sospendere le trattative. In seguito Gamora tende un’imboscata a Quill e gli ruba l’Orb, quindi Quill si lancia all’inseguimento. Durante la lotta che ne segue, intervengono due cacciatori di taglie: un procione geneticamente modificato, Rocket Raccoon, e Groot, un alieno simile a un albero umanoide. Gamora sconfigge i due ma Quill la mette a terra. I Nova Corps intervengono ed arrestano i quattro, che vengono condotti a Kyln, un carcere spaziale di massima sicurezza. In prigione Gamora viene attaccata da Drax il Distruttore, un carcerato in cerca di vendetta su Ronan, responsabile della morte della sua famiglia. Quill riesce a convincere Drax a risparmiare la vita di Gamora, la quale rivela di aver tradito Ronan, che vuole distruggere Xandar e con esso milioni di innocenti. Dopo aver saputo che Gamora conosce qualcuno interessato alla sfera Quill, Rocket Raccoon, Groot e Gamora stessa si alleano per fuggire dalle Kyln.

Altrove Ronan si incontra con il padre adottivo di Gamora e di Nebula, il temibile Thanos, per discutere del tradimento di Gamora. Accompagnati da Drax, Quill e il resto del gruppo riescono a fuggire dalle Kyln a bordo dellaMilano, l’astronave di Quill, e si recano a Ovunque, una remota stazione spaziale costruita nella testa di un Celestiale morto. Il gruppo si incontra con il contatto di Gamora, un collezionista chiamato Taneleer Tivan. Tivan apre la sfera, rivelando al suo interno una Gemma dell’Infinito, un artefatto di incommensurabile potere che solo in pochi riescono a tenere in mano senza morire. All’improvviso Carina, la tormentata assistente del Collezionista, afferra la gemma, scatenando una potente esplosione che distrugge lei e l’intero edificio.

I Guardiani della Galassia in una scena del film.

Nel frattempo Drax, ubriaco, invia un messaggio a Ronan. Ronan arriva su Ovunque e sconfigge Drax, mentre il resto del gruppo cerca di sfuggire ai soldati di Ronan, guidati dalla viscida e crudele sorella di Gamora, Nebula. Nebula distrugge la navetta di Gamora, lasciandola morente nello spazio, e Ronan fugge con la sfera. Quill si mette in contatto con Yondu e poi si dirige verso Gamora per cercare di salvarla. Yondu arriva in tempo e salva i due. Rocket Raccoon, Drax e Groot minacciano di attaccare la nave di Yondu per salvare Gamora e Quill, ma quest’ultimo riesce a convincere Yondu ad aiutarlo per recuperare l’Orb. In seguito Quill manda un messaggio a Nova Prime ed a Rhomann Dey, informandoli dell’imminente attacco dell’Accusatore. SullaDark Aster, la sua nave ammiraglia, Ronan decide di tenere per sé la sfera, unendola al suo martello da guerra, e si mette in contatto con Thanos, minacciando di ucciderlo subito dopo aver distrutto Xandar. Nebula, piena di rancore nei confronti del padre adottivo, si schiera dalla parte di Ronan.

In orbita sopra Xandar giunge la Dark Aster, che viene attaccata dai Ravagers, dai Nova Corps e dal gruppo di Quill, che riesce a penetrare le difese della nave. Ronan usa il potere della Gemma per distruggere la flotta dei Nova Corps. Drax uccide Korath, mentre Gamora sconfigge Nebula, che precipita dalla nave ma riesce a fuggire su un’astronave dei Ravagers. Il gruppo si ritrova in balia del potere di Ronan ma Rocket fa schiantare la Milano contro la Dark Aster, che precipita su Xandar. Mentre la nave precipita Groot si sacrifica per i suoi amici, creando uno scudo intorno a loro. Ronan emerge dalle macerie della nave, pronto a distruggere Xandar; Quill riesce tuttavia a distrarlo, permettendo a Rocket e Drax di distruggere il suo martello. Quill riesce a sottrarre la Gemma all’accusatore e, con l’aiuto di Gamora, Drax e Rocket, riesce a contenerne il potere e ad usarla per disintegrare Ronan.

In seguito Yondu chiede a Quill di consegnargli la sfera, ma l’umano lo inganna, dandogli una sfera con una bambola all’interno e consegnando la vera sfera ai Nova Corps, in modo da poterla mettere al sicuro. Mentre i Ravagers se ne vanno Yondu osserva di aver fatto bene, ventisei anni prima, a non consegnare Quill a suo padre, come invece avrebbe dovuto fare. Su Xandar i Nova Corps cancellano tutti i precedenti crimini del gruppo di Quill, ora noti come Guardiani della Galassia. Quill scopre di essere solo per metà umano, dal momento che suo padre è parte di una razza antica e sconosciuta. In seguito Peter decide di scartare l’ultimo regalo di sua madre: una cassetta contenente le sue canzoni preferite. I Guardiani partono a bordo della Milano, ricostruita dagli Xandariani, insieme a un vasetto contenente un piccolo Groot, rinato da un rametto.

Nella scena dopo i titoli di coda il Collezionista si trova in mezzo alla sua base, completamente distrutta, insieme a due dei suoi pezzi da collezione: un cane cosmonauta e un papero parlante.

Personaggi e interpreti

  • Chris Pratt è Peter Jason Quill / Star-Lord:
    Il leader metà umano e metà alieno dei Guardiani, rapito dal Missouri da bambino nel 1988 e cresciuto da un gruppo di pirati spaziali noti come Ravagers. Pratt ha paragonato il personaggio a Ian Solo e a Marty McFly. Prima di iniziare le riprese Pratt si è sottoposto a una dura dieta e a un allenamento che lo hanno portato a perdere 27 kg in sei mesi. Wyatt Oleff interpreta Quill da bambino. C’è un particolare legame affettivo tra lui e Gamora.
  • Zoe Saldana è Gamora:
    Un’orfana aliena che cerca la redenzione dai suoi passati crimini; è stata allevata da Thanos per essere una letale assassina. Saldana ha descritto Gamora come una “guerriera, un’assassina, è letale. Ha un alto senso della giustizia”
  • Dave Bautista è Drax il Distruttore:
    Un guerriero la cui famiglia è stata uccisa brutalmente da Ronan. Si unisce al gruppo in cerca di vendetta. Ha difficoltà ad interpretare le parole in modo diverso da quello letterale. Erano necessarie all’incirca quattro ore per applicare il trucco all’attore;[4] al contrario dei fumetti Drax non ha tatuaggi ma delle cicatrici su tutto il corpo. Inoltre, il colore della sua pelle è stato cambiato dal verde acceso dei fumetti a un grigio fangoso per evitare somiglianze con Hulk.[5]
  • Bradley Cooper è Rocket Raccoon:
    Un procione geneticamente modificato, esperto nell’uso delle armi e in tattiche di guerra. Sean Gunn ha studiato a lungo dei veri procioni per riuscire a cogliere l’essenza del personaggio e per fare in modo che non risultasse un cartone animato.[6] Gunn ha interpretato il personaggio sul set; alcune espressioni facciali di Cooper sono state registrate per aiutare gli animatori, anche se gran parte del personaggio è basato sulla recitazione di Sean Gunn.[7]James Gunn ha rivelato che è stata fatta un’audizione anche a Danny DeVito: “In tutta onestà, quella di Danny DeVito è una delle voci che abbiamo provinato. Ma Danny DeVito è un uomo più vecchio oggi, e Rocket non è vecchio. È più giovane. E la voce di Danny DeVito non poteva proprio funzionare”.[8]
  • Vin Diesel è Groot:
    Un albero umanoide complice di Rocket Raccoon. Diesel ha dato voce a Groot a diverse versioni internazionali del film.[9]
  • Lee Pace è Ronan l’accusatore:
    Un estremista Kree che stringe un accordo con Thanos per eliminare il pianeta di Xandar. È alla ricerca dei Guardiani, che hanno interferito con i suoi piani malvagi.
  • Michael Rooker è Yondu Udonta: leader dei Ravagers e, malgrado i loro rapporti burrascosi, figura paterna per Star-Lord.
  • Karen Gillan è Nebula: la figlia adottiva di Thanos, cresciuta insieme a Gamora; è luogotenente di Ronan e fedele a Thanos.
  • Djimon Hounsou è Korath: alleato di Ronan e cacciatore di taglie.
  • John C. Reilly è Rhomann Dey: membro dei Nova Corps, la forza militare di Xandar.
  • Glenn Close è Nova Prime Irani Rael: leader dei Nova Corps, la cui missione è proteggere Xandar. Close ha affermato di aver accettato il ruolo perché voleva provare qualcosa di nuovo, oltre che per “affermare di poter essere sempre pronta per qualunque cosa”.[10] Close ha firmato un contratto multi-film con la Marvel.[11]
  • Benicio del Toro è Taneleer Tivan / Collezionista: un avido e ossessivo collezionista di artefatti e fauna spaziale; la sua base è la stazione spaziale Ovunque, costruita all’interno della testa di un Celestiale.

Inoltre Josh Brolin interpreta Thanos attraverso il motion capture;[12][13] Ophelia Lovibond interpreta Carina Walters, assistente del Collezionista; Peter Serafinowicz interpreta Denarian Saal e Alexis Denisof riprende il ruolo dell’Altro, portavoce di Thanos. Il film include inoltre molti cameo tra cui Stan Lee nei panni di un uomo xandariano, Lloyd Kaufman in quelli di un carcerato; Nathan Fillion dà voce a un detenuto; Rob Zombie dà voce a un Ravager; James Gunn interpreta uno Saakaran e Seth Green dà voce, nella scena post-crediti, a Howard il Papero.

Regia di James Gunn

Fonte: WIKIPEDIA

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *