domenica, Gennaio 17, 2021
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Il film romantico stasera in TV: “TI AMO IN TUTTE LE LINGUE DEL MONDO” domenica 25 agosto 2019

Il film romantico stasera in TV: “TI AMO IN TUTTE LE LINGUE DEL MONDO” domenica 25 agosto 2019

Il film romantico stasera in TV: “TI AMO IN TUTTE LE LINGUE DEL MONDO” domenica 25 agosto 2019 alle 21:20 su CANALE 5

Immagine correlata

Ti amo in tutte le lingue del mondo è un film italiano del 2005 diretto e interpretato da Leonardo Pieraccioni.

Gilberto Rovai, insegnante di educazione fisica in una scuola di Pistoia, decide di preparare una festa a sorpresa con i suoi amici più cari per festeggiare il compleanno della moglie. Quando la donna è sull’ingresso di casa risponde ad una telefonata e, dalla sua conversazione, tutti scoprono che ha un amante. Gilberto divorzia dopo tre anni di matrimonio, andando a vivere col fratello balbuziente e bidello della sua scuola, nonché appassionato di nuoto, Cateno.

A un anno dal divorzio, Gilberto, ancora in veste di professore di educazione fisica, si trova a dover gestire l’infatuazione della sua alunna Paolina, che gli lascia biglietti con scritto “Ti amo” in tutte le lingue del mondo e gli manda continui sms con gli stessi messaggi; Gilberto non rimane altro che imbarazzato, dovendosi per altro subire le ramanzine del preside della scuola, che, oltre a non nutrire simpatia nei confronti del professor Rovai, è convinto che i due abbiano una relazione (più volte il preside minaccia Gilberto di trasferirlo a Borgo a Buggiano). Una sera, il professore, convinto dal collega Anselmi, decide di passare una serata erotica in una villa di scambisti col suo amico, con il gioco del “sesso dall’ampolla di vetro”: i due decidono di scambiarsi le chiavi degli appartamenti e per caso Gilberto trova la ex moglie nella stanza.

Disgustato, decide di andarsene e, recatosi alla sua auto, vede una donna che litiga con un uomo: beccandosi un ceffone da lui, decide di riportare a casa lei, Margherita. Tra i due nasce subito una simpatia e, ottenuto il suo numero di telefono, inizia a frequentarla. Così, una domenica pomeriggio Margherita decide di invitare Gilberto a pranzo, e si viene a scoprire che sua figlia è proprio Paolina, la quale sapeva che la madre frequentava un uomo, ma non conosceva l’identità di questo (e viceversa Gilberto). L’incontro a sorpresa tra i due ha effetti devastanti: Gilberto sviene per lo shock e viene portato in ospedale, mentre Paolina reagisce molto male e litiga con la madre. Gilberto va allora a chiedere un consulto all’amico psicologo Bellucci, il quale sostiene che Paolina sia attratta da lui perché lo identifica con il padre che non ha mai conosciuto; Gilberto allora parla con Margherita per chiederle spiegazioni.

La donna rivela che il padre di Paolina in realtà non è morto, ma che i due non si videro per tanto tempo dopo che lei rimase incinta e, al loro successivo incontro, egli era diventato frate e non ebbe il coraggio di dirgli la verità. Gilberto cerca di incoraggiarla a dire alla figlia la verità, cosicché quest’ultima possa avere finalmente una figura paterna e loro essere liberi di stare insieme, ma la donna teme che non sia una buona idea. Gilberto, convinto da Anselmi (il quale ha iniziato ad avere incontri sessuali con l’ex moglie del collega dopo averla incontrata alla villa di scambisti), contatta frate Massimo, gli rivela la notizia e ne provoca lo svenimento. Inizialmente il frate non sente di poter assumere il ruolo di figura paterna, ma dopo diversi giorni decide di conoscerla. I due si organizzano per un incontro informale con Paolina. Durante la serata, però, Massimo non riesce a dire la verità a Paolina, così finge di essere stato un amico del padre. Il frate, con questo escamotage, parla di sé a Paolina per molto tempo e quest’ultima si sente più serena per aver potuto sapere di più su di lui. Margherita, saputo dell’incontro, decide di raccontare la verità a Paolina dopo che questa le ha mostrato una foto scattata al frate e, il giorno dopo a scuola, la ragazza se la prende con Gilberto per non averle detto la verità, prendendogli anche a sassate la macchina, esortandolo a dirle dove vive Massimo per poterlo incontrare di nuovo. Gilberto, però, invece di reagire, abbraccia la ragazza, permettendole di sfogarsi piangendo sulla sua spalla.

Il preside della scuola li vede e pensa che sia la conferma delle voci che volevano una relazione fra i due, e così Gilberto viene obbligato ingiustamente a trasferirsi a Borgo a Buggiano. Un giorno, dopo sette mesi dal suo trasferimento forzato, Margherita fa una sorpresa a Gilberto durante il ricevimento dei professori. Margherita gli rivela che Cateno le ha portato di nascosto le tante lettere che Gilberto le scriveva ma che non aveva mai avuto il coraggio di spedirle. La donna decide di trasferirsi a Borgo a Buggiano per stare con lui, così i due si riuniscono dandosi un bacio, mentre invece Paolina ha trovato il suo amore nel figlio dello psicologo Bellucci, dal quale Gilberto le aveva consigliato di andare.

Regia di Leonardo Pieraccioni

Con Leonardo Pieraccioni, Marijò Berasategui,Giulia Elettra Gorietti e Giorgio Panariello

Fonte; WIKIPEDIA

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *