sabato, Novembre 28, 2020
Home > Abruzzo > Il Questore di Teramo dispone la chiusura di un bar di Martinsicuro

Il Questore di Teramo dispone la chiusura di un bar di Martinsicuro

< img src="https://www.la-notizia.net/questore" alt="questore"

A seguito di controlli operati dalla Guardia di Finanza di Giulianova e dalla Polizia Locale di Martinsicuro, il Questore di Teramo ha disposto la revoca della licenza di un bar di Martinsicuro.

La situazione emersa dalle verifiche è infatti apparsa subito molto grave, droga rinvenuta a terra, precipitosamente gettata a terra da qualche avventore timoroso i essere scoperto. E’ stata, inoltre, rinvenuta nel corso dell’accesso, altra sostanza stupefacente di vario tipo occultata in vari angoli del locale. Agli occhi degli Agenti operanti il locale è sembrato una vera e propria centrale di consumo di droga.

Sono stati identificati numerosi pregiudicati.

Dal controllo è emersa una situazione di illegalità complessiva: servizi igienici in stato di abbandono, mancato rispetto delle più elementari regole igienico sanitarie, di sicurezza ed antiincendio.

Il Comune di Martinsicuro aveva già provveduto a diffidare la proprietà affinchè non intrattenesse, abusivamente, il pubblico con serate danzanti in assenza dei previsti requisiti di legge tesi ad assicurare anche l’incolumità dei presenti.

La Questura di Teramo, aveva, nel 2018, disposto la sospensione della licenza ex articolo 100 T.U.L.P.S. comma 1 per quindici giorni per motivi legati al consumo di stupefacenti ed alla presenza di pregiudicati.

Evidentemente il provvedimento di sospensione non ha ottenuto l’effetto dissuasivo sperato, pertanto, dopo una rapida istruttoria, i cui tempi sono stati dettati dalla gravità della situazione riscontrata, la Questura di Teramo ha disposto la revoca della licenza al titolare peraltro gravato da precedenti penali.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *