giovedì, Ottobre 28, 2021
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Anticipazioni per “Omaggio a Santa Teresa di Calcutta” del 26 agosto su RAI STORIA: il ricordo a 109 anni dalla nascita

Anticipazioni per “Omaggio a Santa Teresa di Calcutta” del 26 agosto su RAI STORIA: il ricordo a 109 anni dalla nascita

Anticipazioni per “Omaggio a Santa Teresa di Calcutta” del 26 agosto alle 12.30 su RAI STORIA: il ricordo a 109 anni dalla nascita
(none)
Il 4 settembre 2016 Madre Teresa di Calcutta è stata proclamata santa. Ma chi è stata questa donna? Una grande paladina della carità? Una coraggiosa madre dei poveri? L’autorevolezza e il carisma di questa piccola suora dal luminoso sorriso erano straordinari, come il lavoro con le sue Sorelle Missionarie della Carità a Calcutta in India e poi in tutto il mondo.
“La santità – diceva Madre Teresa- non è un privilegio di pochi. È un semplice dovere per voi, per me. Se vi sono poveri nel mondo è perché voi ed io non diamo abbastanza”. In occasione dell’anniversario della sua nascita, il 26 agosto 1910, Rai Cultura propone il doc “Santa Teresa di Calcutta” in onda lunedì 26 agosto alle 12.30 su Rai Storia. Il documentario – firmato da Antonia Pillosio – è realizzato partendo da spunti biografici inediti suggeriti dal Cardinale Angelo Comastri, Vicario Generale di Sua Santità per la Città del Vaticano e Arciprete della Basilica di San Pietro, suo amico personale, dal vaticanista Saverio Gaeta, da Padre Brian Kolodiejchuk, postulatore della sua causa di beatificazione e direttore Centro Madre Teresa e da Suor Mary Prema, la nuova Superiora generale delle Missionarie della Carità.
Un giorno – racconta il Cardinale Angelo Comastri – un fotografo famoso le chiese: “Madre, io vorrei cogliere i segreti di questi occhi. Perché i suoi occhi sono così felici? Io ho fotografato attori, attrici, ma non ho mai visto occhi così felici.” “La risposta della Madre fu un capolavoro se vuole sapere il segreto è molto semplice i miei occhi sono felici perché le mie mani asciugano tante lacrime. Faccia così anche lei”. E Saverio Gaeta aggiunge: “Credo che sia una di quelle persone che tutti considerano oggi diciamo Santa, ma la considerano Santa a prescindere dal fatto religioso, la considerano un modello una donna che ha rappresentato effettivamente quello che è il cuore dell’uomo quando cerca di rispondere al bisogno degli altri e ha cercato di farlo seguendo quello che era il suo desiderio di fare ciò che Dio chiedeva a lei attraverso le sue opere”. Ad arricchire la puntata, inoltre, immagini e fotografie delle Teche Rai.