mercoledì, Ottobre 20, 2021
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Anticipazioni per “DI LA’ DAL FIUME e TRA GLI ALBERI” del 1° settembre su RAI 5: Marettimo

Anticipazioni per “DI LA’ DAL FIUME e TRA GLI ALBERI” del 1° settembre su RAI 5: Marettimo

Anticipazioni per “DI LA’ DAL FIUME e TRA GLI ALBERI” del 1° settembre su RAI 5: Marettimo

Risultati immagini per di là del fiume e tra gli alberi marettimo 

La più lontana, alta, montuosa e selvaggia isola di tutto l’arcipelago delle Egadi che comprende anche Levanzo e Favignana. È Marettimo, terra protagonista del nuovo episodio della serie in prima visione “Di là dal fiume e tra gli alberi”, in onda domenica 1 settembre alle 16.00 su Rai5. Prima a staccarsi dalla terraferma, 600mila anni fa, oggi quest’isola accoglie preziosi endemismi, ovvero specie animali e vegetali che vivono solo qui. Chiamata dagli antichi isola sacra soprattutto per la ricchezza delle sue sorgenti, Marettimo è sempre stata un importante scalo per tutti i popoli che, per commerciare o conquistare, attraversarono il Mediterraneo. La sua storia infatti è un susseguirsi di invasioni. Pur risalendo probabilmente a un periodo compreso tra il terzo e il secondo secolo a.C., entra ufficialmente nella storia nel 241 a.C., quando proprio in queste acque fu combattuta la battaglia tra romani e cartaginesi che pose fine alla prima guerra punica. Quel giorno la flotta cartaginese venne sconfitta e si firmò l’armistizio. Se da un lato il piccolo borgo colpisce per la sua integrità e i suoi ritmi, dall’altro la natura di Marettimo stupisce per i suoi colori, i suoi odori e le sue forme. D’inverno sull’isola si registrano fino a 150 persone, tuttavia andando in giro l’impressione è che siano molte meno. Eppure la poca gente rimasta è felice di vivere in un luogo dai ritmi calmi, rilassati e soprattutto gioviali. Un luogo che riesce a trasmettere, con la propria autenticità, l’amore per la propria terra. Marettimo è tante cose: bellissima, sacrale, suggestiva, mozzafiato, ma comoda proprio no. Non ti regala proprio niente: ti fa sudare la sua bellezza facendo, per così dire, una sorta di selezione naturale. O la odi o la ami, dicono gli abitanti. Ma riuscendo a capire e ad entrare in tutte le sue dinamiche, Marettimo regala rare intensità: paesaggi di incontaminata bellezza e un’umanità schietta e sincera che resta nel cuore.