domenica, Gennaio 24, 2021
Home > Marche > Ascoli Piceno, allontanato da casa per maltrattamenti minaccia ancora la famiglia: arrestato

Ascoli Piceno, allontanato da casa per maltrattamenti minaccia ancora la famiglia: arrestato

CALTAGIRONE

ASCOLI PICENO – Era di pochi giorni fa la notizia dell’esecuzione di un’ordinanza di allontanamento dalla casa familiare e contestuale divieto di avvicinamento alle persone offese a carico di un cittadino polacco. Questa persona, da ormai alcuni mesi, maltrattava la moglie e le sue due figlie minorenni mettendo in atto in atto sia vessazioni psicologiche, che vere e proprie violenze fisiche, mai denunciate per timore di ben più gravi ritorsioni. Dopo neanche 24 ore dall’esecuzione della misura, l’indagato si è ripresentato di notte presso l’abitazione coniugale, mettendo in atto una vera e propria azione intimidatoria contro i suoi congiunti. La moglie, prima che il marito compisse degli atti estremi, è riuscita però ad avvisare il “113” provocando così la fuga del coniuge violento. La pattuglia della Volante, a conoscenza delle problematiche della segnalante, immediatamente si metteva alla ricerca del fuggitivo, rintracciandolo dopo alcune ore dai fatti, che vagava nei pressi dello stadio cittadino, in preda ad un delirio autolesionista.

L’uomo, considerato il suo stato di scarsa lucidità, è stato ricoverato presso il reparto psichiatrico. Personale specializzato della Squadra Mobile, in applicazione delle recenti disposizioni emanate con il c.d. “codice rosso”, nel giro di poche ore ha raccolto gli elementi probatori, assumendo informazioni dalle parti offese, consentendo così alla Procura della Repubblica di Ascoli Piceno di chiedere un aggravamento della misura coercitiva a carico del cittadino polacco. Il GIP di Ascoli Piceno, valutando concreta la possibilità di recidiva di comportamenti violenti dell’indagato, ha emesso la misura cautelare della custodia in carcere, ritenendo la stessa l’unica idonea per tutelare l’incolumità della donna e delle sue figlie minorenni vittime. L’uomo, che da lunedì era ristretto presso la Casa Circondariale di Ascoli Piceno, nella giornata di ieri è stato posto agli arresti domiciliari, per seguire un programma rieducativo del maltrattante.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

 

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *