mercoledì, Maggio 5, 2021
Home > Abruzzo > Avezzano e le sue “periferie dimenticate”

Avezzano e le sue “periferie dimenticate”

Riceviamo e pubblichiamo: “Continuiamo a ricevere segnalazioni sul degrado delle periferie di Avezzano.

Dalle foto è evidente che alcuni tratti stradali della periferia vengano utilizzati per sversare di tutto e di più.

Oggi parliamo di un tratto di Via Brunelleschi privo di illuminazione e piena di rattoppi su rattoppi.

I cittadini residenti si lamentano in riferimento al fatto che questa parte di Avezzano è utilizzata come discarica, anche di Eterinit e che giace lì da svariati mesi. La gente continua ad utilizzarla per correre e per raggiungere le proprie abitazioni  ma i residenti si sentono più appartenenti ad una periferia di Roma, dove immondizia e buche sono oramai endemiche, che  ad una zona residenziale di Avezzano, come dovrebbe essere viste le numerose villette che vi si sviluppano.

L’ Amministrazione è commissariata, deve concludere solo lavori già appaltati e non può iniziarne di nuovi. Questo compete ad un Sindaco con una Giunta che delibera in funzione delle esigenze dei cittadini.

Ma la Tassa sull’ immondizia non è commissariata e i residenti continuano a pagarla.

Inoltre senza illuminazione il tratto di via Brunelleschi non è assolutamente sicuro, tralasciando lo slalom delle buche da evitare.

Per ora i residenti chiedono che ci sia una presenza di vigili che scongiuri l’uso di quel tratto come discarica a cielo aperto, nella speranza che in futuro una amministrazione illuminata si occupi di fare Bella la città non solo al centro ma soprattutto nelle periferie dove vive la stragrande maggioranza degli abitanti.

Noi del Pd abbiamo in agenda queste criticità, non solo di via Brunelleschi ma anche dei quattro angoli della città”.

Il Segretario del PD del Circolo di Avezzano Giovanni Ceglie

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *