domenica, Novembre 29, 2020
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Anticipazioni per “PASSAGGIO a NORD OVEST” con Alberto Angela del 30 novembre alle 15 su RAI 1: Palazzo Massimo a Roma

Anticipazioni per “PASSAGGIO a NORD OVEST” con Alberto Angela del 30 novembre alle 15 su RAI 1: Palazzo Massimo a Roma

passaggio a nord ovest

Anticipazioni per “PASSAGGIO a NORD OVEST” con Alberto Angela del 30 novembre alle 15 su RAI 1: Palazzo Massimo a Roma

Risultati immagini per palazzo massimo a roma rai

Il viaggio di Alberto Angela comincia da Palazzo Massimo a Roma

Passaggio a nord ovest, il programma ideato e condotto da Alberto Angela, partirà anche questa settimana per una lunga esplorazione in continenti lontani, in remote epoche della storia e farà assistere a fenomeni naturali spettacolari. Nella puntata in onda sabato 30 novembre alle 15.00 su Rai1,

Alberto Angela porterà i telespettari a Palazzo Massimo a Roma, dove è esposto un vero tesoro: la mummia di una bambina vissuta tra il 150 e il 200 d.C. Il suo corpo, perfettamente conservato in un sarcofago interrato sulla via Cassia a Roma, venne rinvenuto per caso nel 1964. La mummia, sepolta insieme a gioielli e ad una bambola d’avorio, è giunta ad oggi, dopo un viaggio lungo 2000 anni.
Il codice Voynich è un famoso manoscritto crittografato, che da seicento anni gli studiosi cercano invano di decifrare. Seguendo le indagini degli scienziati, si ripercorrerà la storia del misterioso testo per scoprirne l’autore. 
Le torri sono state costruite da tempo immemorabile e hanno testimoniato la grandezza economica e politica di quelli che le hanno volute erigere. Tra queste è la Canton Tower, inaugurata nel 2010 in Cina, la torre televisiva alta 600 metri che ha stupito il mondo per la sua struttura particolare e che nasconde dentro di sé mille storie affascinanti. Si scopriranno i retroscena della sua costruzione, con soluzioni tecniche all’avanguardia, ma anche i vari processi e le diverse attrazioni che rendono quest’opera una delle più complesse e originali del mondo.
In alcune remote campagne del Bangladesh, dove la gente vive d’agricoltura e pastorizia, un gruppo di giovanissime ragazze ha deciso di mettersi in cammino in bicicletta. Ma lo scopo del loro pedalare è tutto fuorché turistico: queste eroine sono, infatti, mosse da un’idea unica e rivoluzionaria, offrire a chi è lontano e in zone inaccessibili del paese la possibilità di collegarsi a Internet e dare l’occasione di connettersi con i propri familiari che, spesso, per ragioni di lavoro sono andati a vivere all’estero.





Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *