lunedì, Ottobre 26, 2020
Home > Arte, Cultura e Spettacoli > Anticipazioni per “QUARTO GRADO” del 6 dicembre alle 21.25 su RETE 4: il caso di Yara Gambirasio e l’omicidio di Luca Sacchi

Anticipazioni per “QUARTO GRADO” del 6 dicembre alle 21.25 su RETE 4: il caso di Yara Gambirasio e l’omicidio di Luca Sacchi

quarto grado

Anticipazioni per “QUARTO GRADO” del 6 dicembre alle 21.25 su RETE 4: il caso di Yara Gambirasio e l’omicidio di Luca Sacchi

Venerdì 6 dicembre, alle ore 21.25, su Retequattro, nuovo appuntamento con “Quarto Grado”. In conduzione Gianluigi Nuzzi, con Alessandra Viero.

Il programma a cura di Siria Magri torna sul caso di Yara Gambirasio e sugli ennesimi sviluppi intorno alla figura di Massimo Bossetti. 
Il muratore di Mapello, condannato definitivamente all’ergastolo per l’omicidio della tredicenne il 12 ottobre 2018, continua a ribadire la sua innocenza anche dal carcere di Bollate dove sta scontando la pena. I legali di Bossetti, in vista di una richiesta di revisione, hanno intanto annunciato una denuncia per frode processuale. 
Ulteriori approfondimenti, inoltre, pare siano stati affidati ad un nuovo pool di consulenti, incaricati dalla moglie di Bossetti, Marita Comi, ad indagare sul caso.

Al centro della puntata anche la morte di Luca Sacchi, il ragazzo freddato con un colpo di pistola alla testa, la sera del 23 ottobre a Roma. In carcere per l’omicidio, Valerio Del Grosso con Paolo Pirino e Marcello De Propris.
La vicenda – una mancata rapina finita in tragedia? – presenta molti punti oscuri ancora da chiarire. A partire dal ruolo della fidanzata Anastasya che, interrogata dal gip, ha dichiarato di essere estranea alla vicenda e di non sapere che nel suo zaino ci fossero 70mila euro.

La 25enne resta indagata per il tentato acquisto di droga e ha l’obbligo di firma presso la polizia giudiziaria. Durante l’interrogatorio, la giovane ha scaricato la responsabilità dell’accaduto su Giovanni Princi, ex compagno di scuola di Sacchi, attualmente a Regina Coeli con l’accusa di detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio. Secondo Anastasya è stato Princi a darle la busta con i soldi da mettere nello zaino.

Per segnalazioni, sempre attivi centralone e account Facebook e Messenger del programma.  

• FACEBOOK e MESSENGER: https://www.facebook.com/quartogrado; • TWITTER: https://twitter.com/quartogrado, • QUARTOGRADERS: #quartogrado, per commenti, opinioni, domande; • INSTAGRAM: @quartogradotv, https://www.instagram.com/quartogradotv; • MAIL: quartogrado@mediaset.it;

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *