sabato, Ottobre 31, 2020
Home > Italia > Prescrizione, Orlando (PD): “Riaperto dialogo”, ma Renzi avverte: “Pronti a votare con Forza Italia”

Prescrizione, Orlando (PD): “Riaperto dialogo”, ma Renzi avverte: “Pronti a votare con Forza Italia”

berlusconi

Prescrizione, Orlando (PD): “Riaperto dialogo”, ma Renzi avverte: “Pronti a votare con Forza Italia”

Grande animazione all’interno della maggioranza sul controverso e spinoso tema dela prescrizione, sul quale Matteo Renzi ha già dato un altolà ai grillini ed agli altri alleati della coalizione dicendosi pronto a votare la proposta di legge di Forza Italia pur di evitare l’abolizione dei termini per i processi penali .

“Si è riaperta una interlocuzione” con il Movimento 5 Stelle sulla prescrizione ma per ora è una interlocuzione “vaga: non ci sono ancora elementi di merito. Vogliamo tenere aperto un dialogo”. Lo ha detto Orlando, vicesegretario del Pd, interpellato sul confronto col M5S sulla riforma della giustizia. Sembra quindi aprirsi uno spiraglio su questo fronte. I segnali, riferiscono fonti dem e M5S,sono tiepidi ma “intanto ci si prova”. Il Pd avrebbe proposto lo stop dei termini della prescrizione per 2 anni,ma per ora “senza riscontro”.

Prescrizione, Bonafede: “Non voglio rompere con nessuno”

“Non voglio rompere con nessuno né provocare una crisi di governo”. Così il ministro della Giustizia, Bonafede, sulla prescrizione dopo le ultime tensioni. “Mi rifiuto di pensare – ha aggiunto che una maggioranza in cui ci sono M5S e Pd possa mettere in crisi un governo sulla prescrizione”. E poi: “Se ci sono altre proposte sono pronto a vagliarle” ma no a strumenti per far rientrare la prescrizione “dalla finestra”. Bonafede si è detto “convinto che con questa maggioranza ci siano praterie per lavorare insieme sulla giustizia”.

Ma al di là delle buone intenzioni lo scoglio della giustizia appare davvero difficile da superare per il Conte-bis e convincere Renzi e i renziani ad appoggiare una riforma così giustizialista sembra una impresa impossibile nonostante i buoni propositi, e sullo sfondo rimane la possibile intesa con Forza Italia. Si profila all’orizzonte un Nazzareno-bis? (foto LaPresse)

Redazione
Lucia Mosca è giornalista iscritta all'albo. Dal 1994, collabora regolarmente con riviste e quotidiani tra i quali Il Messaggero (dal 1994 al 1998 a Macerata, per la cultura , dal 1999 al 2002 a San Benedetto del Tronto, per la cronaca bianca, dal giugno 2005 al luglio 2007 ad Ancona per la cronaca nera e giudiziaria ), La Rucola, periodico maceratese di cronaca, cultura, satira (dal 1996 al 1998 a Macerata), Il Piceno, periodico della Provincia di Ascoli Piceno (2002 – 2003). Le esperienze più significative: dal dicembre del 2003 collabora con Il Resto del Carlino di Ascoli Piceno, testata per la quale si occupa di cronaca, politica, cultura, spettacolo, sanità, sindacale, inchieste, con servizi anche per il regionale. Il 5 gennaio 2005 conclude la propria esperienza di stagista (della durata di 6 mesi). Un mese dopo riprende la precedente collaborazione con Il Messaggero di Ascoli Piceno seguendo la politica locale, la cultura e la cronaca bianca con servizi anche per il regionale. Nel giugno 2005 si sposta su Ancona, dove si occupa per Il Messaggero di cronaca nera e giudiziaria. Dal 2006 collabora con La Stampa di Torino per la cronaca nazionale. Dal 3 agosto 2009 è direttore del quotidiano in edicola Il Giornale24ore, su Teramo e provincia. Il contratto ha la durata di poco meno di un anno per chiusura della testata. E’ stata direttore della sezione giornalistica di Tvp, canale 119 del digitale terrestre nell'anno 2015. Ora direttore della testata giornalistica www.la-notizia.net

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *