sabato, Dicembre 4, 2021
Home > Italia > “Prima le molestie, poi il licenziamento. Davo fastidio perchè immigrata”

“Prima le molestie, poi il licenziamento. Davo fastidio perchè immigrata”

immigrata

“Ho rifiutato le avances sessuali, mi hanno rovinato la vita. Il mio problema? Essere immigrata”

“Nella giornata di ieri, presso il Tribunale di Genova, si è svolta la seconda udienza della vertenza di lavoro della Sig.ra Aleksandra Matikj, che sostiene di essere stata deliberatamente ed illegittimamente licenziata presso gli uffici dell’azienda di shipping israeliana presso la quale ha lavorato come contabile”, spiega l’Avvocato della parte lesa Simone Bertuccio. “

Abbiamo proposto causa per discriminazione, mobbing e demansionamento, chiedendo danni quantificati in complessivi euro 500mila per tutto il pregiudizio sofferto della Sig.ra Matikj. Oggi è stata sentita sia lei che il legale rappresentante dell’azienda, il quale è apparso non a conoscenza dei fatti di causa. Dopo una lunga udienza, la causa è stata rinviata al 12 marzo 2020 per la decisione sulle istanze istruttorie”.

“Nonostante gli anni precedenti – commenta la Matikj – , mai ho smesso di credere nel sistema giudiziario perché, nonostante diverse considerazioni sbagliate, finalmente la verità sta manifestandosi in piena luce. Abbiamo da presentare ancora tanto. Sono molto fiduciosa, soprattutto per quelle che saranno le testimonianze, come quella del Dirigente generale dell’epoca, noto a tutti come portavoce di CasaPound. Sono certa che, la sua, e quella degli altri testi, saranno a dir poco illuminanti per la Corte giudiziaria. Umilmente però, colgo l’occasione anche oggi di invitare tutte le Donne, Italiane e Migranti, a denunciare se molestate sui posti di lavoro perché anche se si ha paura, è l’unico modo giusto per ottenere giustizia”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net